Benvenuto! Accedi o registrati.
19 Maggio 2024, 03:37:42

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.437 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Villarosa
| |-+  La storia (Moderatore: Rommel)
| | |-+  Villarosani illustri
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai giù
Stampa
Autore Discussione: Villarosani illustri  (Letto 11894 volte)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« inserita:: 27 Giugno 2008, 23:54:27 »

                                                                           SALVATORE GIOIA    

                                                                                    PARTE I^

La più grande promessa villarosana a livello nazionale, pronta per quello internazionale, fu stroncata sul nascere da un crudele destino.
Del grande tenore, al suo esordio sulla scena nazionale, restano poche tracce, e queste per lo più sulla Rete, dove sono in vendita antiche registrazioni del Nostro, accomunato con i più grandi e più famosi cantanti lirici del tempo.
Il ricordo di lui vive ancora nella memoria dei concittadini, di ennesi e di nisseni d’una certa età estimatori del bel canto, di critici musicali che ne poterono valutare le capacità canore.
Ricordo negli ultimi anni ’50 d’avere visto in TV la sua partecipazione da protagonista in un’opera lirica di cui non ricordo più il nome.
Salvatore Gioia, Totò per gli amici, era nato nel 1933.
Biondo, occhi azzurri; statura fisica medio-bassa, ma con tutti i muscoli ben sistemati nel corpo. Ottimo calciatore, impareggiabile in palestra sulle parallele; perfetto nelle prestazioni e sincrono nei movimenti più virtuosi; concludeva le sue performance ginniche senza stonature e in perfetto stile.
Fummo compagni di classe dalla terza media alla quinta ginnasiale; alla prima liceo a Caltanissetta eravamo in sezioni diverse. La scuola non era fatta per lui: c’era qualcosa che lo bloccava e non riusciva a profferire parola nelle interrogazioni, forse per una forma d’estrema timidezza che nessuno s’è saputo mai spiegare. Era però bravissimo nel solfeggio, che da parte mia odiavo tanto.
Un giorno in quarta ginnasiale il prof. Paternicò di matematica, avendo davanti Totò col gessetto in mano e negato totalmente a scrivere qualcosa, conoscendone, fra le altre, anche le meravigliose doti calcistiche, gli chiese di spiegargli la struttura del campo di gioco e la funzione dei vari giocatori… Un altro Totò esplose con un fiume di parole ben appropriate e per la prima volta lo sentimmo parlare in classe, in situazione… d’interrogazione.
 Ma a lui si perdonava tutto per la bontà d’animo e la dolcezza del suo carattere, soprattutto perché quando c’era di cantare un pezzo lirico, anche senza accompagnamento musicale, incantava ugualmente gli astanti con sua voce limpida, cristallina, dolce e senza artifizi: Una furtiva lacrima e Il lamento di Federico ed altri pezzi ancora erano i suoi principali cavalli di battaglia.
A Caltanissetta si diffuse subito la notizia di questo straordinario giovane interprete e tanti amanti della lirica e del bel canto lo invitavano in vari locali soprattutto per ascoltarlo e ne restavano ammaliati…
Poi lo scoprì Enna dove ancor oggi ci sono antichi suoi estimatori che non si rassegnano alla grave perdita.
Così quando si ricordano in genere attività artistico-culturali del passato, non ci si dimentica di citare «il gran tenore Salvatore Gioia che li commuoveva fino alle lacrime col suo "Lamento di Federico", "Una furtiva lacrima ", l’”Ave Maria”»; e ancora, quando si rievoca il periodo radioso degli anni ’50 della lirica al Castello di Lombardia, la mente riporta al «mito di un personaggio quale il tenore Salvatore Gioia, frutto proprio di quel mondo e di quella tradizione».
Qualcuno, pur senza malizia, potrebbe pensare che intorno a questa sfortunata figura si sia potuto formare un mito alimentato da uno spirito di perdonabile campanilismo. Questo potrebbe anche accadere, ma nel presente caso questa tentazione non esiste nemmeno.
Le registrazioni in vinile e in nastri ancora esistenti sono la prova evidente della grandezza del nostro tenore che qualsiasi intenditore può giudicare ancora oggi.
Ma basta cercare sulla rete il nome del nostro appariranno una miriade di cd di pezzi cantati coi più grandi  del suo tempo in vendita su Ebay, Amazon e in altri siti.
E poi non sarebbe mai casuale l’accostamento in dischi e cd d’un comune tenore di provincia con i più grandi nomi della lirica, quali Giuseppe Di Stefano, Ebe Stignani, Magda Olivero, Tito Schipa e tanti altri, sempre illustri.
Gioia interpretò opere quali “L'Ajo nell'imbarazzo” di Donizetti, la “Nina”, o sia “La pazza per amore” di Paisiello, “L'italiana in Londra” di Cimarosa, coi più in vista cantanti lirici del tempo. Egli interpretò inoltre opera impegnativa “La Sonnambula” del nostro Bellini accanto al soprano Fiorella Ortis, con l’Orchestra della Società dell’Opera diretta da Ferruccio Scaglia. Le principali arie sono sono registrate sul CD A.1717 della UTET.
Raccolgo dalla rete il seguente giudizio, in inglese (lingua che purtroppo non conosco tanto), che mi appare alquanto lusinghiero:
«For me he is a real find, with beautiful timbre (reminiscent of e.g. Ferendinos, Gigli, Tagliavini) and a welcome reduction in the use of aspirated vowels that intrude with many singers! Information on his career, which was evidently short, is sparse. Apart from the “Sonnambula” duet (unknown date), and the 3 performances at the “Martini & Rossi” concert in January 1958, Gioia appeared in a revival of Rossini’s “Count Ory” at the Piccola Scala the same month. I have on order a live recording of him in Donizetti’s “L’Ajo Nell’ Imbarazzo”, sung in Bergamo on 21 October 1959 (with Gatta). An Italian newspaper said, “He may be destined to inherit at least a part of Schipa’s legacy, if he studies plenty and doesn’t get bigheaded”. Apparently, by the middle of the 1960s he was already talked about as a “promise who has not fulfilled expectations”, due to “mental disorders”. Later an Italian newspaper reporter said, “Gioia, who at the time had to compete with e.g. [Cesare] Valetti in his prime, and a very fresh and extrovert [Luigi] Alva (although technically inferior), would have no difficulty in coming to the fore if he were to be heard today, deploying technical skills and expressive resources”.
Gioia’s performance of “Una furtiva lacrima” demonstrates the lost art of bel-canto in its long-breathed lines, flexible pacing and subtle shading. The “Manon” aria is (despite a timing slip near the start) as good as most, e.g. Cazette, Midgley, Patzak. For me “E la storia” is especially superb, interpreted with that plangent tone and ‘longing’ approach so inherent in the words and music. The control and solidity of voice is the more remarkable when one notices that these are live performances. The Milan audience seem to appreciate him, so it is the more disappointing that his career did not develop — I feel he would have been a top-class artist. In the duet, he produces some of the most attractive Italianate tenor singing on record, and his soft tone is almost feminine — not a crooning sound like Gigli and not husky like Schipa, but an open sound like di Stefano but smoother. After a flat 1st note Fiorella Ortis does well, blending accurately and pleasantly with her partner, to present a version that equals more popular ones e.g. Pagliughi / Tagliavini.»
Discography of Salvatore Gioia (@July 2003):
- 3 arias (“Martini & Rossi” concert Milan; ® January 1958).
- The duet ‘Prendi l’anel ti dono’ from “La Sonnambula” (Bellini) (® unknown; with Fiorella Ortis).
- “L’Ajo Nell’ Imbarazzo” (Donizetti) (live Bergamo; ® October 1959; with Dora Gatta).
- “L’Orso Re” (Trecate) (live Rome RAI; ® unknown; with Caterina Mancini).
- “Nina” (Paisiello) (‘CETRA’ rec; ® unknown; with Dora Gatta, Agostino Ferrin, Giuseppe Zecchillo).

 [Segue]
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
il maestro


Gruppo: Il Maestro
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.307


« Risposta #1 inserita:: 28 Giugno 2008, 03:41:21 »

Grazie come sempre caro Osvaldo, per i tuoi puntuali quanto interessanti interventi: da parte mia ho già sentito parlare di questo Salvatore Gioia e, in quanto amante della musica in genere, pur non essendo appassionato di lirica ma gradendo tuttavia alcuni famosi pezzi di tale categoria, vorrei avere la possibilità di ascoltare alcune sue prestazioni.
Nel caso fossi in possesso di qualche file e potessi darmelo fammi sapere.
« Ultima modifica: 28 Giugno 2008, 03:44:40 da il maestro » Registrato

Talè!?!
niki


Gruppo: Collaboratore
*

Posizione: A' Stazioni!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.757

La vita và vissuta fino in fondo.


« Risposta #2 inserita:: 28 Giugno 2008, 09:20:27 »

Osvaldo grazie per le tue testimonianze, non è che  hai anche una foto di Gioia,?
Registrato




Rommel


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: A' Chiazza!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 3.125


« Risposta #3 inserita:: 28 Giugno 2008, 15:58:33 »

una grande scoperta bravo come sempre osvaldo
Registrato

Il prezzo della grandezza è la responsabilità.
Winston Churchill
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #4 inserita:: 28 Giugno 2008, 16:33:39 »

Di Toto' Gioia c'era in giro ai suoi tempi d'oro una foto cartolina a mezzo busto, forse edita dalla sua casa discografica. Ce l'ho davanti agli occhi ancora ma non l'ho mai posseduta. Ho una sbiadita foto scolastica della quarta ginnasiale scattata in una gita scolastica dei tempi miseri, sul tratto di strada, irriconoscibile, prima di arrivare alla Catena. Lasciare i banchi per qualche ora era un avvenimento... da fotografare: ci divertivamo lo stesso! Meno male che però c'è! Totò è il biondo in prima fila col cappotto sul braccio.
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Palermo Calcio

Gruppo: Visitatore
8: Undefined index: post_group
File: /web/htdocs/www.villarosani.it/home/forum/Themes/villarosani_Com_smf/Display.template.php (eval?)
Riga: 307