Home arrow FORUM arrow Villarosaarrow La storiaarrow Personaggi del passato 2
mercoledì 15 luglio 2020
Benvenuto! Accedi o registrati.
15 Luglio 2020, 04:15:15

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.437 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Villarosa
| |-+  La storia (Moderatore: Rommel)
| | |-+  Personaggi del passato 2
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] 2 Vai giù
Stampa
Autore Discussione: Personaggi del passato 2  (Letto 25222 volte)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« inserita:: 12 Aprile 2009, 21:00:42 »

                                                                                                   [
« Ultima modifica: 11 Dicembre 2016, 12:43:30 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
jack_sparrow


Gruppo: Moderatore Cinema
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.381


« Risposta #1 inserita:: 12 Aprile 2009, 21:28:43 »

Grazie Osvaldo per i tuoi racconti.

Mi vergogno un pò a chiedere spiegazioni sulla parola "Asìsti".
E' possibile che non riesco a traslare una parola dialettale dallo scritto alla sua versione orale?

Fatto sta che non so cosa vuol dire ... quindi non ho potuto godere della parte finale del racconto  timido
Registrato

Chi è Dio? - Hai presente quando desideri fortemente una cosa ed esprimi il
desiderio che si realizzi? - Si - Ecco, Dio è quello che lo ignora. (The Island)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #2 inserita:: 12 Aprile 2009, 22:03:35 »

Grazie Osvaldo per i tuoi racconti.

Mi vergogno un pò a chiedere spiegazioni sulla parola "Asìsti".
E' possibile che non riesco a traslare una parola dialettale dallo scritto alla sua versione orale?

Fatto sta che non so cosa vuol dire ... quindi non ho potuto godere della parte finale del racconto  timido

Nessuna vergogna; voi giovani parlate, se lo parlate, un dialetto tradotto dall'italiano.Tranne qualche espressione tipica, le altre sono generiche.
Un esempio: a Villarosa c'è un Orazio, che tutti ancora chiamano Araziu. Così "esiste" veniva traslato in "asiste". Questa espressione oggi è rara. M.Gilormu era ignorante al massimo, ma era intelligente e sensibile. Era un tipo. Non certo come Momò, ma aveva la sua umanità, la sua correttezza: doti in ogni tempo rare.  Parlando di lui ho voluto introdurre il discorso sul carusato, su cui vorrei tornare solo se vedo una partecipazione attiva. Intanto ti ringrazio per il tuo interesse allo spaccato di vita di solo un secolo fa.
« Ultima modifica: 12 Aprile 2009, 22:08:46 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
alfoprof


Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Curva de' Miluna
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 513


« Risposta #3 inserita:: 13 Aprile 2009, 00:30:04 »

Molto interesante osvaldo!
Certo ci sono cose che ormai sono quasi scomparse ma sarebbe bello magari raccogliere alcune storie del nostro paese.
Magari un libro.
Sono sicuro che ci sono molte persone giovani e meno giovani a cui farebbe piacere riscoprire la nostra storia.
Comunque ancora grazie osvaldo!
Registrato

VA SALLU.......
jack_sparrow


Gruppo: Moderatore Cinema
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.381


« Risposta #4 inserita:: 13 Aprile 2009, 13:03:29 »

Sul CARUSATO mi ha fatto pensare molto la parte in cui dici che il monumento al minatore
Citazione
...avrebbe dovuto rappresentare non un uomo con elmetto rigido che allora esisteva ma veniva negato a quegli sventurati. Lo scultore avrebbe dovuto rappresentare un carusu di pirrera    o il crollo di parete causato spesso dal lesinare che si faceva sulla legname dell’armatura. Ricordo il commento adirato dei veri zolfatai che trovavano innaturale quel bassorilievo, lontanissimo dall’antica realtà vissuta  sulla loro pelle.

C'è sempre, e sempre stato storicamente, una sorta di corsa al bello nel voler rappresentare alcune realtà/situazioni ... quando poi la situazione reale è tutt'altra.

Il paragone che mi viene in mente è la reazione bigotta di quei prelati che difronte alla prima rappresentazione di un cristo non più biondo e con gli occhi azzurri grida al "blasfemo".
Registrato

Chi è Dio? - Hai presente quando desideri fortemente una cosa ed esprimi il
desiderio che si realizzi? - Si - Ecco, Dio è quello che lo ignora. (The Island)
il maestro


Gruppo: Il Maestro
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.307


« Risposta #5 inserita:: 13 Aprile 2009, 20:55:27 »

E' vero, Osvaldo, la realtà di allora non sempre viene rappresentata al meglio.
Io cito la circostanza delle bevutine nei giorni di festa ma, a parte questa sorta di tradizione, vi sono tante altre circostanze ed episodi che mi sono stati raccontati da alcuni dei pochi minatori ancora in vita, alcuni dei quali non conviene proprio scrivere in questo forum e che, al di là di tutto, ha fatto un po' comodo a tutti rimuovere dalle menti...
Registrato

Talè!?!
cigliazza


Gruppo: Moderatore Globale
*

Posizione: Curva de' Miluna
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 892

U cani muzzica u strazzatu...


« Risposta #6 inserita:: 13 Aprile 2009, 20:57:32 »

Maestro non capisco a cosa ti riferisci...

Ringrazio osvaldo per la storia vita raccontataci  :-D
Registrato

E respirando brezze che dilagano su terre senza limiti e confini (L.B.)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #7 inserita:: 13 Aprile 2009, 22:00:41 »

E' vero, Osvaldo, la realtà di allora non sempre viene rappresentata al meglio.
Io cito la circostanza delle bevutine nei giorni di festa ma, a parte questa sorta di tradizione, vi sono tante altre circostanze ed episodi che mi sono stati raccontati da alcuni dei pochi minatori ancora in vita, alcuni dei quali non conviene proprio scrivere in questo forum e che, al di là di tutto, ha fatto un po' comodo a tutti rimuovere dalle menti...


M'associo a Cigliazza: non capisco proprio cosa vuoi comunicare. Se non ti dispiace vuoi far capire a chi non intende? Per quanto riguarda le "bevutine", sto parlando in generale, l'usanza non è perduta, anzi si è spostata al mondo giovanile non col "tocco" di boccali di vino, ma di superalcolici e.... altro di peggio.
« Ultima modifica: 13 Aprile 2009, 22:08:21 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
il maestro


Gruppo: Il Maestro
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.307


« Risposta #8 inserita:: 14 Aprile 2009, 01:42:16 »

M'associo a Cigliazza: non capisco proprio cosa vuoi comunicare. Se non ti dispiace vuoi far capire a chi non intende? Per quanto riguarda le "bevutine", sto parlando in generale, l'usanza non è perduta, anzi si è spostata al mondo giovanile non col "tocco" di boccali di vino, ma di superalcolici e.... altro di peggio.


E' vero, avete ragione: parlo, oltre che delle mangiate e bevute, delle "zecchinette" dei giorni di paga, che permettevano a volte di portare il doppio salario a casa, mentre altre di non portarne proprio; parlo di mogli che, al fine di campare in qualche modo la prole, data la mancanza del salario settimanale, si arrangiavano; parlo del "pane e pane"; parlo dei ragazzini costretti a subire angherie e, a volte violenze, dai più grandi, etc...
Spero, con questi brevi accenni, di aver reso l'idea.
« Ultima modifica: 14 Aprile 2009, 01:45:34 da il maestro » Registrato

Talè!?!
niki


Gruppo: Collaboratore
*

Posizione: A' Stazioni!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.757

La vita và vissuta fino in fondo.


« Risposta #9 inserita:: 14 Aprile 2009, 11:51:01 »

E' vero, Osvaldo, la realtà di allora non sempre viene rappresentata al meglio.
Io cito la circostanza delle bevutine nei giorni di festa ma, a parte questa sorta di tradizione, vi sono tante altre circostanze ed episodi che mi sono stati raccontati da alcuni dei pochi minatori ancora in vita, alcuni dei quali non conviene proprio scrivere in questo forum e che, al di là di tutto, ha fatto un po' comodo a tutti rimuovere dalle menti...


Ci vuole il traduttore simultaneo per capire  Amen
Registrato




osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #10 inserita:: 15 Aprile 2009, 00:08:24 »


E' vero, avete ragione: parlo, oltre che delle mangiate e bevute, delle "zecchinette" dei giorni di paga, che permettevano a volte di portare il doppio salario a casa, mentre altre di non portarne proprio; parlo di mogli che, al fine di campare in qualche modo la prole, data la mancanza del salario settimanale, si arrangiavano; parlo del "pane e pane"; parlo dei ragazzini costretti a subire angherie e, a volte violenze, dai più grandi, etc...
Spero, con questi brevi accenni, di aver reso l'idea.


Ce ne capisco sempre di meno. Di miseria, bassezze e  lordure ce ne sono state sempre tante, prima, oggi e purtroppo disgraziatamente anche in avvenire. Quello che accenni tu è fuori dal nocciolo della mia presentazione: quella può divenire un'altra discussione aperta da te, se vuoi. Io ho trattato d'un personaggio col suo vizio e la sua virtù; d'un uomo ignorante, pensoso ed onesto, che m'ha fatto piangere e che ho perdonato di cuore quando ho conosciuto la sua storia lontana anni luce dalla mia proveniente da una famiglia di piccola borghesia. Senza quell' asìsti mastru Gilormu non avrebbe lasciato traccia alcuna nella memoria dell' anima mia, perchè la sua storia di lavoratore sarebbe stata una come tantissime altre. A differenza di una massa di superficiali, egli fu uomo semplice e schietto da cui è scaturita fuori una religiosità netta e verace che non ho mai riscontrata in tanti baciapile e "trituratori" di rosari. "Il maestro" non andiamo fora do scifu!, come si diceva una volta quando si divagava...
Qualunque macchia oscura avrai conosciuto dai tuoi "zolfatai" non conta per niente: l'importante è sentire Dio nella propria anima e comportarsi di conseguenza, come il Maestro che andò incontro alla morte per dare il forte esempio che dura nei millenni.
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
il maestro


Gruppo: Il Maestro
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.307


« Risposta #11 inserita:: 15 Aprile 2009, 14:37:45 »

...M.Gilormu era ignorante al massimo, ma era intelligente e sensibile. Era un tipo. Non certo come Momò, ma aveva la sua umanità, la sua correttezza: doti in ogni tempo rare. Parlando di lui ho voluto introdurre il discorso sul carusato, su cui vorrei tornare solo se vedo una partecipazione attiva...



Carissimo, a questo punto sono io che non capisco: hai specificato quale fosse il "nocciolo" della tua presentazione, e pure lo scopo per cui hai trattato dei vizi e virtù di quel personaggio.
Il mio intervento voleva offrire un concreto spunto di riflessione al fine evidenziato sopra in grassetto, basato su tristi, freddi ma autentici racconti: e ancora mi vieni a dire che importa solo l'intimo rapporto di ciascuno di noi con Dio?
Non credo, allora, ci fosse bisogno di accennare al "vizio", come lo hai definito, del personaggio in questione, nè tantomeno di palesare l'intento di introdurre una discussione sul carusato o sulla vita nelle miniere!
A questo punto il tuo racconto sa, piuttosto di critica al bigottismo religioso, o di qualcos'altro che, al di fuori del discorso del carusato cui hai fatto cenno, non so proprio cosa possa essere.
Per cui non riesco nuovamente a capire che tipo di partecipazione attiva tu abbia richiesto.
Registrato

Talè!?!
alfoprof


Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Curva de' Miluna
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 513


« Risposta #12 inserita:: 16 Aprile 2009, 02:30:41 »

Carissimo, a questo punto sono io che non capisco: hai specificato quale fosse il "nocciolo" della tua presentazione, e pure lo scopo per cui hai trattato dei vizi e virtù di quel personaggio.
Il mio intervento voleva offrire un concreto spunto di riflessione al fine evidenziato sopra in grassetto, basato su tristi, freddi ma autentici racconti: e ancora mi vieni a dire che importa solo l'intimo rapporto di ciascuno di noi con Dio?
Non credo, allora, ci fosse bisogno di accennare al "vizio", come lo hai definito, del personaggio in questione, nè tantomeno di palesare l'intento di introdurre una discussione sul carusato o sulla vita nelle miniere!
A questo punto il tuo racconto sa, piuttosto di critica al bigottismo religioso, o di qualcos'altro che, al di fuori del discorso del carusato cui hai fatto cenno, non so proprio cosa possa essere.
Per cui non riesco nuovamente a capire che tipo di partecipazione attiva tu abbia richiesto.

Maestro a parte che ti esprimi come un libro chiuso cmq il tuo commento sembra veramnete fuori luogo!
Registrato

VA SALLU.......
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #13 inserita:: 27 Dicembre 2009, 23:26:07 »

                                       COME DONNA CLOTILDE SALVÒ IL SUO MATRIMONIO

                                                                             
« Ultima modifica: 11 Dicembre 2016, 12:56:11 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
lamichetta


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 19


« Risposta #14 inserita:: 28 Dicembre 2009, 22:41:23 »

rimango sempre affascinata dai tuoi racconti, attendo con ansia il seguito della storia. Auguri e saluti ricambiati  Ciao Ciao 
Registrato
Pagine: [1] 2 Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC
Joomla Bridge by JoomlaHacks.com
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.083 secondi con 21 interrogazioni al database.
 
© 2020 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.
Termini e Condizioni d'uso  |  Lo-Fi version  |  Mobile version

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.