Home arrow FORUM arrow Arte, cultura e spettacoloarrow Bibliotecaarrow Zibaldone
lunedì 24 aprile 2017
Benvenuto! Accedi o registrati.
24 Aprile 2017, 13:22:26

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.431 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Arte, cultura e spettacolo
| |-+  Biblioteca (Moderatore: nephilem)
| | |-+  Zibaldone
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai giù
Stampa
Autore Discussione: Zibaldone  (Letto 12341 volte)
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« inserita:: 20 Marzo 2010, 09:31:28 »

Filastrocche, rime, scioglilingue, indovinelli, reminescenze, poesie e canzoni remote che appartengono alla tradizione popolare, alla memoria individuale e collettiva. Spesso mi sono state tramandate oralmente, senza conoscerne l'origine o l'autore.
Mi piacerebbe formare questa raccolata per non perdere le "perle" di famiglia e magari chissà, forse si formerà una bella collana!

Comincerei con la poesia che mio papà da bambino recitava ritto sull'attenti sopra una sedia nella putia di vino, dove mio nonno (zolfataro) e compagni  passavano la serata. A fine recita veniva premiato con un cannolo o qualche lira.


Titolo: Mi susu la matina di laccetta.

Mi susu la matina di laccetta
e vaiu a la chisa biniditta,
'nda dintra c'è la matri di Cuncetta
ca di li grazi su, stamu a l'addritta.
Tri belli mandi e tri belli figuri
ca 'mparadisu c'è trumma c'è sona.
C'è la cappella di lu Sabbaturi e
c'è stampata Marì Cunceziuni.
Vaiu a la chisa e lu scaluni trasu
stinnu la manu e m'abbagnu lu visu.
Vaiu a la chisa e lo scaluni trasu
viju lu cilu apirtu 'mparadisu.

 Sicilia!
Registrato

Stirru d'incapu...
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #1 inserita:: 26 Marzo 2010, 15:04:08 »

Seconda canzone da putia di vinu:

Titolo: La moda di li fimmini

La moda di li fimmini a purcariu finiju
la moda di li fimmini a purcariu finiju
la moda è modernissima ccu li gammi di fora!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
la moda è modernissima ccu li gammi di fora!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.

E 'ncapu li ghinocchia a vesta han a purtari
e 'ncapu li ghinocchia a vesta han a purtari,
ca lu cchiù friddu giuvani ppi forza ha da sudari!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
ca lu cchiù friddu giuvani ppi forza ha da sudari!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.

Ca scusa di li santi s'affaccianu 'o barcuni
Ca scusa di li santi s'affaccianu 'o barcuni,
ogni picciottu passa ci leggi lu cartilluni!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
ogni picciottu passa ci leggi lu cartilluni!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.

E cumu su sbattulianu tuttu dru pittuzzu
E cumu su sbattulianu tuttu dru pittuzzu,
cu lu maritu apprissu ca pari n'agniddruzzu!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
cu lu maritu apprissu ca pari n'agniddruzzu!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.

Si dunanu un vasuni, l'omu s'ha da scantari
Si dunanu un vasuni, l'omu s'ha da scantari,
di russu malutinginu comu un carnalivari!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
di russu malutinginu comu un carnalivari!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.

Scusati cara amici si l'aiu fatta longa
Scusati cara amici si l'aiu fatta longa,
la curpa è di li fimmini ca tiranu la pinna!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè
la curpa è di li fimmini ca tiranu la pinna!
(Coro) Veru iè, veru, veru, veru iè.
Registrato

Stirru d'incapu...
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #2 inserita:: 16 Aprile 2010, 12:51:55 »

Michè lallà, Michè lallà
aveva un cagnolino
piccino, piccino
l'aveva per giocare
quannu s'assetta
si fuma a sicaretta
quannu si susi
'ncuieta li carusi.

(Ignoro l'autore) Sicilia!
Registrato

Stirru d'incapu...
jack_sparrow


Gruppo: Moderatore Cinema
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.381


« Risposta #3 inserita:: 16 Aprile 2010, 15:55:32 »

 eheh la cantavo da piccolo questa !!!
Registrato

Chi è Dio? - Hai presente quando desideri fortemente una cosa ed esprimi il
desiderio che si realizzi? - Si - Ecco, Dio è quello che lo ignora. (The Island)
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #4 inserita:: 29 Aprile 2010, 22:28:54 »

Ciao Jack, che ne dici di questa?

Attentu pulici
ca t'incagliaiu
te fazzu fari
aiu aiu aiu

 Sicilia!
Registrato

Stirru d'incapu...
jack_sparrow


Gruppo: Moderatore Cinema
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.381


« Risposta #5 inserita:: 30 Aprile 2010, 11:46:54 »

No... questa no  Finta di nulla
Registrato

Chi è Dio? - Hai presente quando desideri fortemente una cosa ed esprimi il
desiderio che si realizzi? - Si - Ecco, Dio è quello che lo ignora. (The Island)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #6 inserita:: 30 Aprile 2010, 22:43:55 »

È stata ed è mia costante opinione che le migliori tradizioni si conservano fuori di Villarosa, in tutto il resto del mondo dove un villarosano ha messo piede e radici. Egli cristallizzò l’essenza della sua villarosanità che colse come ultimo fiore da portar con sé, la custodisce sempre in una teca e l’ adora come in antico si faceva per i “patri Lari”. Ho parlato spesso del nostro dialetto che ha perso la sua rozza freschezza italianizzandosi. Non si pensi però che io sia contro la lingua nazionale che già di per sé è insufficiente a comunicare col resto del mondo: la dobbiamo conoscere sempre di più perché essa è l’italianità. Dobbiamo tenere nel cuore che, piccolo com’è, riesce a contenere amori più diversi per infinite cose belle, tutto ciò che parla al nostro essere sotto qualsiasi forma.
A livello sia pur minimo, più vicino al gruppo umano del paesello, non dobbiamo trascurare le sue tradizioni, il lessico, le espressioni tipiche che spesso sono poesia e regola di vita. Io che ho la mia età tutta villarosana non conoscevo ad esempio il motto di “Chianu di Giugnu” , stirru di ‘ncapu. Sembra una bazzecola, ma intanto tale detto s’era perso ed è tornato a rifiorire a Villarosa partendo da Torino, per merito della rete e delle persone che la coltivano…
“Stirru di ‘ncapu”! Quanta energia e quanta meno sofferenza guadagnerebbe l’uomo se soffocasse “cco stirru” ogni focherello che spesso si trasforma in tragico incendio… Per questo scrissi, appena scoprii  questo motto, che esso contiene una semplice filosofia di vita da non sottovalutare.
Qual è il succo di questo mio sermoncino?
Ho chiesto collaborazione ai giovani, perché aiutassero i grandi a spremere le meningi per tirarne fuori quello che a me è sfuggito negli anni o non è mai giunto alle mie orecchie. C’è stato un accenno di collaborazione, ma è apparso a me troppo inconsistente…
Prego ancora “chianu di giugnu” di aprirci la teca dei “suoi Lari”, quando può, compatibilmente con i suoi impegni di lavoro e di mamma.
Grazie “Chianu di Giugnu” anche per le filastrocche e le antiche canzoncine.
Intanto complimenti per un Papà accussì villarusanu!
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #7 inserita:: 12 Marzo 2013, 22:47:28 »

Buonasera,
vediamo un po' se mi ricordo come si fa...

Titolo: Ninu Ninu picuraru

Ninu Ninu picuraru
tri piducchi 'ndo pagliaru
assicutaru a Ninu Naru
Ninu Ninu picuraru

Registrato

Stirru d'incapu...
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #8 inserita:: 16 Marzo 2013, 21:06:46 »

Chianu di Giugnu, da quanto tempo non ci sentiamo. Tu sei veramente

una fonte di villarosanità, come se fossi vissuta quaggiù. Ovviamente è

la fonte, tuo padre, che ha mantenuto in te viva la memoria del paese

antico. Forse io conoscevo tuo padre perchè da piccolo a Chianu di

giugnu ci abitavano i miei zii Pilotta, angolo via Giannone-Butera; mia

moglie Cosentino angolo via Butera-Poeta. La poesiola mia mamma così

me la ripeteva:

Ninu nanu picuraru
tri piducchi l'assicutaru
l'assicutaru nno m'pagliaru
Ninu nanu picuraru.

 Come vedi nella sostanza è la stessa,
Il sito dei villarosani come avrai visto è quasi morto; ogni tanto vi scrivo

qualcosa, ma i nostri concittadini seguono e collaborano in

www.bellarrosa.blogspot.com
Una tua visita e una collaborazione sono sempre gradite. A risentirci
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Pagine: [1] Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC
Joomla Bridge by JoomlaHacks.com
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.054 secondi con 21 interrogazioni al database.
 
© 2017 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.
Termini e Condizioni d'uso  |  Lo-Fi version  |  Mobile version

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.