Home arrow Dicono di noi arrow La Sicilia 22-06-2006
giovedý 13 dicembre 2018
Benvenuto Visitatore.






Password dimenticata?
Non hai ancora un account? Registrati
Chi Ŕ online

Statistiche
Visite oggi: 69
Visite totali: 650926
Feed RSS di Villarosani.it
Social Bookmark
Aggiungi Villarosani.it a: Digg Aggiungi Villarosani.it a: Del.icoi.us Aggiungi Villarosani.it a: Yahoo Aggiungi Villarosani.it a: Blogmarks Aggiungi Villarosani.it a: Technorati Aggiungi Villarosani.it a: Smarking Aggiungi Villarosani.it a: Google Cos'Ŕ il Social Bookmark?
Annunci Google
La Sicilia 22-06-2006 Stampa E-mail
giovedý 22 giugno 2006

VILLAROSA. Un sito creato da tre giovani per preservarne il patrimonio culturale
Quel «paese virtuale» su internet

VILLAROSA. Tra i tanti siti in cui ci si può imbattere navigando in internet, pochi sicuramente hanno le caratteristiche di "villarosani.it", portale creato da tre giovani villarosani, Andrea Bongiorno, Giuseppe Restivo e Gianluca Randazzo, a Milano per motivi di studio e lavoro. La lontananza da casa e l’attaccamento alle proprie origini, hanno spinto questi tre esperti in informatica alla creazione di uno spazio dedicato "o’ paisi" e ai "paisani" nel senso più stretto del termine, uno spazio che racconta la storia, le tradizioni, gli usi e le abitudini dei villarosani di Villarosa e di quelli sparsi in tutto il mondo, come ci spiegano: «L’obiettivo rincipale del portale, è di proporsi come veicolo di comunicazione tra i villarosani residenti e quelli delocalizzati. Ulteriore obiettivo è quello di diffondere la "villarosanità" a 360 gradi: le storie, i luoghi, la cucina, la cultura, le immagini». Villarosani.it nasce dall’esperienza di "quellidelroyal.com", portale nato per mettere in contatto un gruppo di amici che per studio o lavoro si trovano a Milano, Torino, Bologna e Roma. L’idea di ritrovarsi in un "bar virtuale", dove poter parlare di argomenti discussi fin dall’infanzia con conoscenti, è piaciuta a tal punto che gli amministratori hanno decisodi cambiare dominio per essere più facilmente rintracciabili da chi cerca in un motore di ricerca "Villarosa" o "villarosani". Adesso il sito è frequentato non solo da giovani che tengono contatti coni propri amici, ma anche da nostalgici che cercano foto attuali e d’epoca del paese, ricette, news, poesie di De Simone e storie ed aneddoti dei nostri nonni. Un forum diviso in numerose sezioni, permette inoltre di poter accostare ad argomenti leggeri (sport, musica e cinema), altri più seri come l’emigrazione, la storia delle famiglie fondatrici e la storia dei monumenti, con vecchie foto confrontate con quelle attuali. Tra gli obiettivi futuri c’è quello di ampliare la cechia degli utenti, raccogliendo le esperienze ele testimonianze di villarosani e di quanti conoscono Villarosa, per non perdere la memoria del suo patrimonio storico e culturale.

SALVATORE BRUNO

download_pdfScarica l'articolo originale in formato PDF

 
<< Precedente
 
Alcune semplici regole da seguire per entrare a far parte di Villarosani.it
Le origini e la storia di Villarosani.it
Hai bisogno di assistenza? Vuoi darci un consiglio? Scrivici!
Rassegna stampa degli articoli riguardanti Villarosani.it
La storia, la geografia ed altre informazioni utili per conoscere il piccolo centro nel cuore della Sicilia.
 
© 2018 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.