Benvenuto! Accedi o registrati.
20 Ottobre 2019, 17:16:19

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.431 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Arte, cultura e spettacolo
| |-+  Biblioteca (Moderatore: nephilem)
| | |-+  LO STAGNO DI FUOCO di Daniele Nadir
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai giù
Stampa
Autore Discussione: LO STAGNO DI FUOCO di Daniele Nadir  (Letto 2445 volte)
nephilem


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.223

Dissoluta negligentia prope dolum est.


WWW
« inserita:: 15 Novembre 2006, 18:59:00 »



LO STAGNO DI FUOCO


iL Giorno del giudizio. Gli uomini sono chiamati davanti a Dio per essere assegnati al proprio destino eterno. I puri saliranno in Paradiso. Ai più toccherà l'inferno. Sulla Terra , sparse e perdute, poche centinaia di persone. Tra queste Joseph Gould e Sara Ferraris. Lui è americano, uno scrittore diventato celebre negli anni trenta. Lei, una giovane insegnante torinese. I pochi sopravissuti vengono riumiti da tre angeli nella Sacra di San Michele. Per quale motivo le creature celesti non sono accanto al Signore?
Ognuna di loro ha condannato all'inferno un'anima che meritava la salvezza e insieme a Joe e Sara andranno a cercarla, nella speranza di essere perdonati. A fare da guida in questo viaggio sarà un'ospite eccelente del regno del male, Giuda, il Traditore, riuscito a riemergere in superficie e ora costretto a ridiscendere nell'abisso. In un crescendo che lega la fantasia alla realtà, una corsa contro il tempo verso il fondo dell'inferno.


Un romanzo storico-avventuroso, con echi da thriller, da un giovane autore esordiente. Un libro ambizioso, creato nel corso di quattro anni. Arrichito da originali illustrazioni, un testo unico che all'accuratezza della documentazione unisce una grande leggibilità

Trama e commento tratti dal romanzo Lo stagno di Fuoco di Daniele Nadir

Commento personale

Questo romanzo l'ho letto un'annetto fa circa, e non vi nascondo che è stato l'unico libro ad impegnarmi nella lettura, anche se pur scorrevole i dialoghi spesso risultano confusi e contorti e le ambientazioni cupe e tenebrose, ma del resto si parla dell'inferno... Per leggerlo tutto, ho dovuto ricopiare la metà del libro, in maniera tale da capire certi punti poco chiari.
Meravigiliosa la descrizione dei tre Angeli San Michele, Rasiele, e il mio preferito Nephilem... In conclusione il finale non è scontato e poco avvincente, quindi questo romanzo lo consiglio agili amanti del genere, e per coloro che non si spaventano del buoi e nemmeno leggere argomenti splatter!!!!!

 angel Nephilem
« Ultima modifica: 15 Novembre 2006, 19:01:32 da nephilem » Registrato


"Credo che gli amici siano angeli silenziosi
che ci aiutano a rimetterci in piedi
quando le nostre ali non si ricordano più
come si fa a volare"
asia


Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 114

Silent... leges inter arma.


« Risposta #1 inserita:: 16 Novembre 2006, 18:46:56 »

ciao visto che non leggerò mai questo libro e tu sai perchè....mi potresti spiegare che ruolo ha nella trama nephilem??e il perchè lui è il tuo preferito??
 Linguaccia  :-D
Registrato

L’errore nasce sempre dalla tendenza dell’uomo a dedurre la causa dalla conseguenza.
Arthur Schopenhauer
nephilem


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.223

Dissoluta negligentia prope dolum est.


WWW
« Risposta #2 inserita:: 17 Novembre 2006, 23:55:05 »

Rispondo alla tua domanda cara asia... Bhe si è capito dalla recensione che ruolo ha nephilem, come del resto gli altri due angeli. Ma per fare un'ulteriore chiarimento sulla trama del romanzo, i tre angeli hanno condannato all'inferno tre anime uno per ciascuno per la precisione, e per punizione per il loro errore di giudizio sono stati condannati a non ascendere accanto a Dio. Per potersi riscattare decidono di scendere all'inferno alla ricerca di queste anime per riscattarsi e correggere il loro errore. Quindi puntualizzando Nephilem è il mio angelo preferito, perchè dalla descrizione fatta dall'autore io mi ci rispecchio molto, dato che anche io nel mio piccolo ho fatto un'errore che ho pagato duramente, e che continuo a scontare tutt'oggi... Dentro di me cè un Nephilem, So che per te e per tutti quelli che leggeranno questo post penserete che non ha senso, ma credetemi se potete, sennò fate pure a meno, per me ha senso e molto!!!!!

                                                                                                                  Saluti  angel Nephilem
Registrato


"Credo che gli amici siano angeli silenziosi
che ci aiutano a rimetterci in piedi
quando le nostre ali non si ricordano più
come si fa a volare"
anastasia_sophia


Gruppo: Utente
*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 18


« Risposta #3 inserita:: 10 Gennaio 2007, 22:47:36 »

solo tu neph, potevi recensire questo libro, ma che ti hanno fatto di male gli utenti di villarosani.it? Sti caxxi
Registrato
Pagine: [1] Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.079 secondi con 20 interrogazioni al database.