Benvenuto! Accedi o registrati.
19 Maggio 2019, 17:50:43

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.431 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Il Bar
| |-+  Quattro chiacchiere in compagnia
| | |-+  Ricordi dei giochi da bambino.
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: 1 2 3 4 [5] Vai gi
Stampa
Autore Discussione: Ricordi dei giochi da bambino.  (Letto 33026 volte)
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #60 inserita:: 09 Febbraio 2010, 23:36:33 »

Allora sicuramente ti ricorderai anche come ci facevano passare il mal di pancia ( 'i virmi)!
Registrato

Stirru d'incapu...
lamichetta


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 19


« Risposta #61 inserita:: 09 Febbraio 2010, 23:56:02 »

Prover a chiedere. Pap invece si ricorda qualche pezzo di questa tiritera (la riporto cos come mi stata detta)

INDINDIRINDi'
indindirind setti fimmini p'un tar
un tar d'argentu
u cangianu p'un serpenti
u serpenti senza cuda
u cangianu pi na mula
a mula jetta cauci
a cangianu pe na fauci
a fauci senza pizzu
a cangiano co un firrizzu
u firrizzu scavigghiatu
u cangiano co un carratu
u carratu chinu di vinu
dannu a biviri a lu parrinu
u parrinu dici la missa
fici 'nzigno alla batissa
la batissa friiva l'ova
fici 'nzigno a Mastru Nicola
....................

se qualcuno conosce il seguito prosegua pure e perdonatemi se ho fatto qualche errore, un conto parlare il dialetto (a me piace soprattutto ascoltarlo) un conto sciverlo....
Registrato
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #62 inserita:: 10 Febbraio 2010, 00:01:36 »

Allora sicuramente ti ricorderai anche come ci facevano passare il mal di pancia ( 'i virmi)!

S, per quel poco che so. Non ho approfondito. Ma ogni paese, ogni quartiere e ogni strada aveva persone con diverso metodo. Mio padre mi parlava di un verme della radice del cardo che doveva essere cercato il Venerd Santo schiacciato e strofinato nelle mani. Cos si acquistava la "virt" di guaritore. Mio padre ogni tanto a noi bambini passava la mano sul pancino ed attenuava i dolorini. Gli chiedevo se lui avesse schiacciato il detto verme, ma mi rispondeva di no. Mio pap era persona concreta e realista, non credeva alla dicerie. Quando io divenni padre usavo il sistema con mio figlio che vermi non aveva di sicuro, ma soffriva di contrazioni addominali e mi chiedeva lui stesso il massaggino. M'aiutavo col borotalco e raccontandogli racconti inventati l per l: le contrazioni si rilassavano, senza vermi del cardo e senza giaculatorie alcuna.  A proposito tu ne sai? Ora parlane tu.
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #63 inserita:: 10 Febbraio 2010, 00:16:42 »

Ti seguo con piacere, la mia versione simile alla tua:

NDI' NDI' NDINDIRINDi'
setti fimmini e un puntar
u puntar i d'argentu
u cangianu p'un serpenti
u serpenti senza cuda
u cangianu pi na mula
a mula jetta cauci
a cangianu pe na fauci
a fauci senza pizzu
a cangiano co un firrizzu
u firrizzu scavigghiatu
u cangiano co un carratu
u carratu chinu di vinu
dannu a biviri a lu parrinu
u parrinu dici la missa
fici 'nzigno alla batissa
la batissa friiva l'ova
fici 'nzigno a Mastru Nicola
Mastru Nicola scaccia i nuciddi
fici 'nzigno ai picciriddi
i picciriddi aviru di cacari
iru a cacari 'nda varba di Mastru Natali
Mastru Natali cu u spitu in cuddu
unni arriva si stucca lu cuddu.
....................
(Risate dei bambini che volevamo assolutamente impararla subito a memoria!)
Registrato

Stirru d'incapu...
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #64 inserita:: 10 Febbraio 2010, 00:20:56 »

Prover a chiedere. Pap invece si ricorda qualche pezzo di questa tiritera (la riporto cos come mi stata detta)

INDINDIRINDi'
indindirind setti fimmini p'un tar
un tar d'argentu
u cangianu p'un serpenti
u serpenti senza cuda
u cangianu pi na mula
a mula jetta cauci
a cangianu pe na fauci
a fauci senza pizzu
a cangiano co un firrizzu
u firrizzu scavigghiatu
u cangiano co un carratu
u carratu chinu di vinu
dannu a biviri a lu parrinu
u parrinu dici la missa
fici 'nzigno alla batissa
la batissa friiva l'ova
fici 'nzigno a Mastru Nicola
....................

se qualcuno conosce il seguito prosegua pure e perdonatemi se ho fatto qualche errore, un conto parlare il dialetto (a me piace soprattutto ascoltarlo) un conto sciverlo....


Brava lamichetta, da molto che non ci sentiamo; io la so come vedi. Devo dirti che sei brava nell'uso del dialetto; ma in ogni caso non cisi deve mai scoraggiare. Ecco la versione che conosco io:

Unu, dui e ttri
setti fimmini ppo n’tar;
u tar j d’argentu,
lu cangiamu cc’on serpenti;
lu serpenti j senza cuda,
lu cangiamu ppi na mula,
a mula jetta cauci,
la cangiamu ppi na fauci,
a fauci j senza pizzu,
la cangiamu ppo ‘n firlizzu,
lu firlizzu j sfasciatu,
lu cangiamu ppo ‘n carratu,
lu carratu j chinu di vinu,
lu cangiamu ppo ‘n parrinu,
lu parrinu dici la missa
fici ‘nznjha a la batissa,
a batissa friji l’ova
fici ‘nznjha a mastru Nicola,
mastru Nicola scacciava nuciddi,
fici ‘nznjha a li picciriddi;
li picciriddi janu u culu cacatu,
vsalu a mmi ca l’hiu stujatu.

[Non sono molto convinto di questa versione]
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #65 inserita:: 10 Febbraio 2010, 00:54:11 »

La buonanima di nonna ci teneva sulle ginocchia e ci massaggiava il pancino recitando a mo' di Ave Maria la seguente

U Luni i ssantu
U Marti i ssantu
U Mircuri i ssantu
U Juvi i ssantu
U venneri i ssantu
Pasqua e Pascuni
cadi lu vermi a facci buccuni
(Tre segni della croce del sul pancino)

Dopo questo rituale stavamo veramente bene (visto che ogni volta che ci si riuniva dai nonni mangiavamo troppo), gi solo il fatto di stare in braccio era una gioia, aggiungici le coccole, cosa c''era di meglio?
Ho scoperto una cosa curiosa, le ostetriche e le fisioterapiste insegnano a massaggiare i pi piccoli che hanno le colichette eseguendo lenti movimenti sul pancino immaginando di fare le lettere L - O - V - E. E pare che funzioni anche questo.
Registrato

Stirru d'incapu...
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #66 inserita:: 13 Febbraio 2010, 19:07:12 »

Varbaruzzo di cazzola,
vucca parla e dici,
nasu di radici,
ucchi di pernici,
frunti di valata
e t na timbulata!

Chi si ricorda di essere stato vezzeggiato con giochini come questo?

Me ne ero quasi dimenticata, meno male che con le mie figlie lo ripasso.


Quasi identico al mio ricordo, con qualche variante:
Varbaruzzo di cazzola,
vucca ca parla e dici,
nasu affilatu,
ucchi di pernici,
fronti di valata...
e tt na timbulata!


!

« Ultima modifica: 15 Febbraio 2010, 17:54:37 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #67 inserita:: 15 Febbraio 2010, 00:52:17 »

Quando passavo le vavanze a Villarosa ho giocato con lo skateboard del vicino (anche se un gioco da maschi), giocavo tanto  :yahoo:col cane e il gatto del vicino (visto che io non ne ho mai posseduto uno), e la cosa pi formidabile che a quel tempo andavano di moda gli zoccoleti di legno e giocavo ugalmente alla palla, alla corda, all'elastico, alla settimana, a nascondino, ecc.

   
 yahoo
Registrato

Stirru d'incapu...
Chianu di giugnu


*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 29


« Risposta #68 inserita:: 06 Marzo 2010, 10:38:48 »

Pap mi ha raccontato che ai suoi tempi i bambini giocavano a "vola vola parruniddru" e a "tessi tessi Margherita", entrambi i giochi erano dei semplici passatempi di bambini abituati a giocare tanto tempo all'aperto usando quello che trovavano.
Il primo gioco consisteva semplicemente nel posare una coccinella sulla punta dell'indice e rivolgendosi all'insetto si ripeteva "vola vola parruniddru" finch la si vedeva volare via.  :-)

Per il secondo gioco occorreva invece una di quelle farfalle tutte nere, con la striscia gialla sill'addome, con le ali vellutate e non tanto larghe, con qualche puntino bianco e che sono facilli da prendere perch sono pi lente delle altre. Poi occorreva un piccolo stelo del prato e....quello che si faceva all'insetto prima di lasciarla volare via conciata a quel modo ve lo lascio immaginare, perch preferisco non descrivere i particolari per rispetto della sfortunata creatura e per chi legge. E questo era "tessi tessi Margherita".  Oooh


Registrato

Stirru d'incapu...
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #69 inserita:: 08 Aprile 2010, 10:02:49 »

Pap mi ha raccontato che ai suoi tempi i bambini giocavano a "vola vola parruniddru" e a "tessi tessi Margherita", entrambi i giochi erano dei semplici passatempi di bambini abituati a giocare tanto tempo all'aperto usando quello che trovavano.
Il primo gioco consisteva semplicemente nel posare una coccinella sulla punta dell'indice e rivolgendosi all'insetto si ripeteva "vola vola parruniddru" finch la si vedeva volare via.  :-)

Per il secondo gioco occorreva invece una di quelle farfalle tutte nere, con la striscia gialla sill'addome, con le ali vellutate e non tanto larghe, con qualche puntino bianco e che sono facilli da prendere perch sono pi lente delle altre. Poi occorreva un piccolo stelo del prato e....quello che si faceva all'insetto prima di lasciarla volare via conciata a quel modo ve lo lascio immaginare, perch preferisco non descrivere i particolari per rispetto della sfortunata creatura e per chi legge. E questo era "tessi tessi Margherita".  Oooh






Brava chianu di giugnu; hai espresso bene quell'antica crudelt. Voglio aggiungere un particolare che si riassume in una minaccia diretta ad una persona: "Ti fazzu fari tessi tessi margherita!
Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Pagine: 1 2 3 4 [5] Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.08 secondi con 18 interrogazioni al database.