Benvenuto! Accedi o registrati.
18 Febbraio 2020, 16:42:39

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.434 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Arte, cultura e spettacolo
| |-+  Biblioteca (Moderatore: nephilem)
| | |-+  jane eyre di charlotte Brontè
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai giù
Stampa
Autore Discussione: jane eyre di charlotte Brontè  (Letto 1983 volte)
nephilem


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.223

Dissoluta negligentia prope dolum est.


WWW
« inserita:: 17 Ottobre 2006, 13:15:17 »









Forse è questo il capolavoro per eccellenza di Charlotte Bronte. Ispirato alle esperienze personali della scrittrice ottocentesca di istitutrice e di allieva presso collegi rigidi, esso costituisce un'opera letteraria delle caratteristiche molto innovative. Jane Eyre è il perfetto opposto dello stereotipo della donna dell'epoca: non è ricca, non appartiene a una classe agiata, non è bella, non è fortunata ma e anticipa la figura della donna moderna, indipendente, che rifiuta le convenzioni sociali e la morale corrente costruendo da sè la sua vita nonostante le molteplici difficoltà poste da un destino spesso avverso.
Abbastanza fluida la lettura che dopo un inizio lento, quasi meditato, va avanti con ritmo incalzante. Eccezionale la descrizione di luoghi e personaggi, sempre estremamente realistica ed incentrata sugli aspetti psicologici, che consente quasi al lettore di vivere l'esperienza di Jane sulla propria pelle.

Jane è una ragazza orfana, costretta a vivere dapprima da una zia privata da ogni affetto e successivamente in un severissimo istituto in cui assiste alla perdita della sua unica amica, stroncata dalla tubercolosi. A 18 anni riesce a diventare insegnante. E' assunta come istitutrice di una bambina dal signor Rochester, tipo malinconico e sardonico. Nasce un amore ricambiato ma nel momento di coronarlo con il matrimonio, all'altare, questo è impedito dalla rivelazione che la moglie di lui, ormai matta e reclusa in casa, è viva. Jane fugge. Raccolta dal reverendo John Rivers, sta per sposarlo e per accompagnarlo in India. Ma una notte ha l'impressione che Rochester abbia bisogno di lei. Spinta dall'amore si reca a Thornfield Hall ma la casa è in rovina. C'è stato un incendio e Rochester nel tentativo vano di salvare la moglie, ha perso la vista…. Circostanza perfetta per garantire il lieto fine (abbastanza prevedibile) del romanzo.

recensione tratta da. www.ciao.it


                                                                                                                                                 angel Nephilem
« Ultima modifica: 19 Ottobre 2006, 15:35:47 da nephilem » Registrato


"Credo che gli amici siano angeli silenziosi
che ci aiutano a rimetterci in piedi
quando le nostre ali non si ricordano più
come si fa a volare"
asia


Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 114

Silent... leges inter arma.


« Risposta #1 inserita:: 17 Ottobre 2006, 18:06:35 »

Il romanzo fu pubblicato nel 1847 ed ebbe un successo immediato. I personaggi femminili hanno spunto decisamente autobiografico e dimostrano di aver raggiunto una consapevolezza di sé, un intraprendenza e un appagamento del desiderio assai rari nel periodo vittoriano, al punto che non manca chi considera la Bronte una precorritrice del romanzo psicologico.
Con questo romanzo stupisce ancora per la rivelazione dell’animo di una giovane donna,dotata di ardore spirituale e intellettuale e consapevole del suo valore,che vorrebbe avere un rapporto paritario con l’uomo che ama.
Di questo romanzo oltre che a conoscere il suo contenuto qualche tempo fa hanno trasmesso in tv il film è stato molto bello mi è piaciuto se capiterà di nuovo che lo trasmettono non manca occasione per rivederlo
ti ancora i miei complimenti!!!!bellissimo anche questo
Registrato

L’errore nasce sempre dalla tendenza dell’uomo a dedurre la causa dalla conseguenza.
Arthur Schopenhauer
Pagine: [1] Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.075 secondi con 19 interrogazioni al database.