Home arrow FORUM arrow Villarosaarrow La storiaarrow MARCINELLE 1956 - La tragedia della miniera dove morirono i nostri emigranti
lunedì 27 maggio 2024
Benvenuto! Accedi o registrati.
27 Maggio 2024, 15:38:12

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.437 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Villarosa
| |-+  La storia (Moderatore: Rommel)
| | |-+  MARCINELLE 1956 - La tragedia della miniera dove morirono i nostri emigranti
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: [1] Vai giù
Stampa
Autore Discussione: MARCINELLE 1956 - La tragedia della miniera dove morirono i nostri emigranti  (Letto 4951 volte)
Rommel


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: A' Chiazza!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 3.125


« inserita:: 10 Agosto 2006, 16:40:13 »

Una tragedia a 50 anni di distanza dove morirono anche villarosani
Registrato

Il prezzo della grandezza è la responsabilità.
Winston Churchill
Rommel


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: A' Chiazza!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 3.125


« Risposta #1 inserita:: 11 Agosto 2006, 15:20:16 »

Quest'anno si ricordano i 50 anni della tragedia, avvenuta a Marcinelle. L'8 agosto 1956 nella miniera di carbon fossile del Bois du Cazier un'esplosione causava la morte di 262 minatori, 136 dei quali italiani. Dai documenti in mio possesso tra qui un canto di Ignazio Buttitta risulta un morto proveniente da Villarosa. Le SOIR quotidiano in lingua francese del Belgio, il 9 agosto pubblicava la lista delle vittime.
Dei 274 operai scesi nei pozzi alle 7,00 per il primo turno, i sopravvissuti furono 14. Morirono in 262, 136 italiani, 95 belgi, 8 polacchi, 6 greci, 5 tedeschi, 3 ungheresi, un inglese, un russo, un olandese e un ucraino. Questi uomini lasciarono 183 vedove e 400 orfani.
Bene se guardate la lista dei dispersi non risultava nemmeno il nome di questo villarosano e vi dava l'idea del grado di controllo sul lavoro che c'era in quella miniera.
Ma poi dopo che tutti i morti , o quasi, molti non furono mai ritrovati,furono issati in superfice,mancava all'appello FRANCESCO TILOTTA da VILLAROSA e BUTTITTA nel canto degli emigranti in partenza Lu Trenu di lu suli
ecco cosa riporta nel canto il poeta, prendendo spunto dai primi comunicati stampa
«I primi cadaveri riportati
alla superficie dalle squadre di soccorso
appartengono a nostri
connazionali emigrati
dalla Sicilia.
Ecco il primo elenco
delle vittime.
Natale Fatta, di Riesi provincia di Caltanissetta
Francesco Tilotta, di Villarosa provincia di Enna
Alfio Calabrò, di Agrigento
Salvatore Scordu...».
se volete leggerlo tutto andate su http://www.laltrasicilia.org/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=20
ALLA MEMORIA
Registrato

Il prezzo della grandezza è la responsabilità.
Winston Churchill
Rommel


Gruppo: Moderatore
*

Posizione: A' Chiazza!
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 3.125


« Risposta #2 inserita:: 11 Agosto 2006, 15:21:30 »

se sapete altro aggiornate ovviamente
Registrato

Il prezzo della grandezza è la responsabilità.
Winston Churchill
Pagine: [1] Vai su  
Stampa 
« precedente successivo »
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.4 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC
Joomla Bridge by JoomlaHacks.com
XHTML 1.0 valido! CSS valido!
Pagina creata in 0.076 secondi con 22 interrogazioni al database.
 
© 2024 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.
Termini e Condizioni d'uso  |  Lo-Fi version  |  Mobile version

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.