Benvenuto! Accedi o registrati.
21 Febbraio 2020, 10:02:53

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Ricerca:     Ricerca avanzata

33.087 Messaggi in 2.232 Discussioni da 1.434 utenti
Ultimo utente: niki
* Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati
+  Forum - Villarosani.it
|-+  Arte, cultura e spettacolo
| |-+  Biblioteca (Moderatore: nephilem)
| | |-+  Poesie... che m'incantano
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione. « precedente successivo »
Pagine: 1 ... 5 6 7 8 9 [10] Vai gi¨
Stampa
Autore Discussione: Poesie... che m'incantano  (Letto 66257 volte)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #135 inserita:: 15 Dicembre 2007, 21:46:38 »

Questa Ŕ una poesia di Stefania Montalbano, poetessa e pittrice, nata in Villarosa nel 1918 e morta nel 1973. Essa ha aperto gli occhi a Villarosa e poi s'Ŕ formata a Catania; come De  Simone sente forte nel cuore la nostalgia del suo paese: grasta di bÓlacu lo chiama. Vivendo a Catania, il suo dialetto perde buona parte della "villarosanitÓ",  ma resta sempre innamorata del suo paese. Ella in questa poesia canta un concittadino, ultimo nella scala dei valori del perbenismo borghese, un “intoccabile”. I Ciciriddu erano villarosani poveri in tutti i sensi; l'ultimo della famiglia Ŕ morto qualche decennio fa e visse in maniera pi¨ dignitosa per via dei tempi cambiati e perchŔ ha trovato persone che l'hanno saputo ben orientare; un altro fu CÓrminu, di lui vorr˛ dire qualcosa sulla sua vita in altra voce del forum.
La poesia parla di Catinu, che io non ho conosciuto, morto negli anni '30.
Della poetessa mi riservo di tornare a parlarne, ma invito gli "utenti" , giovani e non, a raccogliere pi¨ notizie possibili su questa figura controversa e su altri fatti e personaggi. E' tempo che ci mettiamo in movimento se non vogliamo che questo bel sito diventi una palestra di botte e risposte senza capo e senza scopo. Certo non posso rimproverare i giovani di non avere l'esperienza di un ultra settantenne, ma l'intelligenza applicata alla ricerca ambientale non Ŕ prerogativa dei vecchi. Ci sono in Villarosa persone pi¨ grandi di me che possiedono frammenti di ricordi pi¨ interessanti dei miei, basta avere la pazienza di saper fare domande che facciano "partorire" queste memorie. Nessuno Ŕ venuto a casa mia a "portarmi" notizie...

                                  CICIREDDU

- San Giseppi...
Facitimi muriri... -
Un lamentu, un fetu...
e li pidocchi a migghiara...
Cicireddu.
La to vita fu 'n lamentu dulurusu
na chiaja viva
ca nuddu cani
cunurt˛ di frati...
Nuddu.
E li bizzocchi sciaurusi di 'n cenzu friscu,
ccu li curuni di lu rusariu
ca pinnevanu ppi cumparsa
si stringevanu lu sciallu
ppi non lu scifiari,
quannu affriddatu
ti vidivanu
'mpiducchiari li scaluna di la Matrici.
E lu parrinu
nun s'accalava
mancu ppi guardariti.
E li carusi 'nnuccenti
facennuti vidiri lu pani:
- Ti lu dugnu
quannu tu dici: San Giseppi
facitimi muriri. -
'Nuccenti di lu jocu
'nfami,
pirchý nuddu nni 'nzignava
ca puru chiddu era un fratuzzu nostru svinturatu.
Eratu di 'n paisi
dilicatu
unni la natura Ŕ na sciurera.
Villarosa!
Conca di surfari!
Eratu nostru
comu li nostri peni.
Addumannavatu pani
casi, casi.
Eratu 'n santu
pirchý lu Cristu 'ncruci
ti fici cicireddu senza macula.
Un passareddu nudu, affrittu e sulu.
(Comu 'n canuzzu stancu, assicutatu...)

Poviru frati nostru
Cicireddu...
Quantu tempu passatu!
Penzu
a ddi duminichi matinu.
Davanti l'artaru, tuttu paratu
a lu parrinu...
La surpiddizza lucenti, arraccamata...
Diceva iddu:
- Biati li poviri di spiritu!
iddi suli ponu iri 'n celu...
Li puvireddi,
sunu lu Signuri
ca veni nudu:
nun l'arrimmuttati. -
Ma quannu videva a tia
cangiava strata.
Lu sagristanu
poi, t'assicutava.
Ora si' mortu.
Tuttu ppi tia finýu.
'Nn celu ci si?
Dda ccu San Giseppi
unni la fami chiamava la to sorti?
Cu sa' si 'n jornu
'ncelu lu Signuru
nni dici forti:
- Iu era lu Cicireddu
strazzatu, piducchiusu ca trimava...
iu, era Cicireddu e m'ammuttasti! –

.......................................

Cca tuttu Ŕ fermu
cumu lu lassasti.
Lu paiseddu, grasta di bÓlacu,
passa li jorna ammenzu a lu chiddýri.
Supra la terra ca ti mancia l'ossa,
forsi na margherita ancora spunta...
ji
arricurdannu la to amara sorti,
ca nica, troppu nica
nun capeva,
oj
t'addumannu scusa.
Si.
Ppi tutti.
Ch'eramu tinti, nun sappimu capýri.

« Ultima modifica: 16 Dicembre 2007, 00:41:52 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #136 inserita:: 27 Gennaio 2008, 13:50:54 »

Propongo all'attenzione dei Villarosani tutti ed in particolare a quanti vivono lontano dalla nostra terra, questa poesia del nostro pi¨ illustre emigrato, che rivive in questo carme tutta la villarosanitÓ dei sentimenti e dei luoghi, magici soprattutto per chi ne sta lontano.

                                     LUNTANU E PRISENTI      da “A  LA  RIDDENA”     di Vincenzo De Simone


GnÓziu, chi fu, chi ti nisciu lu senzu
ca ti 'mmintasti ca campu luntanu
di sta Sicilia mia, ca sempri penzu,
e la portu, unni sia, 'n chianta dý manu?
Ad idda addumu lampi e sbampu 'ncenzu,
comu ca forra lu so sagristanu;
GnÓziu, e pi 'nzina ca sugnu Vicenzu,
nuddu m'avanza a stu focu supranu.

Sugnu furestu, sý, campu a Milanu,
ma haju lu cori sempri a Bellarrosa;
unni me nannu si 'nzignau viddanu,
e d'ogni spina si jhiuriu 'na rosa;
unni l'amanti a lu Cozzu e a lu Chianu
vanu cantannu canzuni di sfrosa;
e cu’ si stanca di lu so Carvanu,
acchiana a lu Cummentu, e s'arriposa.

Ch'Ŕ beddu. GnÓziu miu, lu me paisi,
‘mmenzu a li vuddi e 'mmenzu a li surfari;
ccu li pirnici 'ntra ripÝddi e ddisi,
e li palummÝ bianchi a li chiarchiari;
a dritta e a manca fŔura e maisi,
fruttiti, sipalati ed olivari;
e a cu' cci veni, ca 'un havi pritisi,
amuri e pani 'un ci nni fa mancari.

E si vidissi, GnÓziu, 'ntra giugnettu,
chi festa granni supra l'Óira tunna;
li muli, ca cci d¨nanu di pettu,
e lu turnanti ca li gregni arrunna;
lu caccianti ca canta lu muttettu,
lu suli ca la vampa ccý l'abbunna;
e lu gricali ccu lu friscalettu,
ca spÓglia l'oru, e lu munzeddu attunna.

Guarda lu c˛cciu di stu furminteddu
a la tradenta di st'˛mini magni:
e guarda a ddu funnali Muncibbeddu
a la sdossa di tutti li muntagni;
guarda la Pitralýa, ca fa casteddu,
e Ganci 'n facci, ca cci fa li 'ncagni:
guarda lu Sarsu e lu ciumi Mureddu,
ca stenni la spicchiera a li campagnÝ.

E quannu annotta, Gnaziu, unni la senti
’n’orchestra, comu a chista, e st'armunia?
Tutti li stiddi a li so' firmamenti,
la luna, ca va annannu, e guarda a mia;
li papanzichi ccu li so' sturmenti,
lu jacobbu, luntanu, ca picchýa;
e li cani, ca abbÓjanu a li venti,
pi dari sfogu a la so fantasia.

E 'ntunnu 'ntunnu ‘ntra timpi e sbalanchi
li paisa, ca l¨cinu a puddara;
l'Armena, e Resuttana a li so' manchi,
e San Catallu dintra la quadara;
Cartanisetta ccu li gýglia stanchi,
Petrapirzia appisa a la ruccara;
e la Serra, scruscenti a li lavanchi,
c’accorda li suspira a la jhiumara.

GnÓziu, li senti sti vuci e sti chianti,
ca gridanu piatÓ di suttaterra?
Li surfarara su’, li nostri santi,
ca nun hannu 'nnimici e sunu ‘n guerra;
trapÓssanu la vita a li vacanti,
la morti li smacedda e si l'afferra;
GnÓziu, li senti st'armuzzi vramanti,
pi crucifizziu  di la nostra terra?

Ma nesci a l'Óiru, e guÓrdati st’arbura
‘ntra celu e celu, senza nudda tacca;
GnÓziu, guarda la terra, ca sbapura,
senti lu gaddu, ca la notti assacca;
la l˛dana, ca a l'Óutu s'abbalura,
e canta a Diu senza nudda stacca;
salutamu lu re di la natura,
ca codda a mari e a li muntagni spacca.

E guarda ancora, GnÓziu Buttitta,
Castrugiuanni e poi Calascibbetta;
e l'Artisina ccu la so burritta,
e munti Giurgu ccu la so scupetta;
guarda tutta sta terra biniditta,
ca sempri chiama, e ammÓtula m'aspetta;
ed ora ca guardasti, canta e pitta,
comu l’˛cchiu ti joca e l'arma detta.
[/size]
« Ultima modifica: 16 Febbraio 2008, 21:51:05 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
sceriffa


Gruppo: Utente
*

Posizione: A19 (130 Km/h)
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 6


« Risposta #137 inserita:: 27 Gennaio 2008, 18:03:22 »

Itaca


Se per Itaca volgi il tuo viaggio,
fa voti che ti sia lunga la via,
e colma di vicende e conoscenze.
Non temere i Lestrýgoni e i Ciclopi
o Poseidone incollerito: mai
troverai tali mostri sulla via,
se resta il tuo pensiero alto, e squisita
Ŕ l'emozione che ti tocca il cuore
e il corpo. NŔ Lestrýgoni o Ciclopi
nŔ Poseidone asprigno incontrerai,
se non li rechi dentro, nel tuo cuore,
se non li drizza il cuore innanzi a te.

Fa voti che ti sia lunga la via.
E siano tanti i mattini d'estate
che li vedano entrare (e con che gioia
allegra!) in porti sconosciuti prima.
Fa scalo negli empori dei Fenici
per acquistare bella mercanzia,
madrepore e coralli, ebani e ambre,
voluttuosi aromi d'ogni sorta,
quanti pi¨ puoi voluttuosi aromi.
RŔcati in molte cittÓ dell'Egitto,
a imparare e imparare dai sapienti.

Itaca tieni sempre nella mente.
La tua sorte ti segna quell'approdo.
Ma non precipitare il tuo viaggio.
Meglio che duri molti anni, che vecchio
tu finalmente attracchi all'isoletta,
ricco di quanto guadagnasti in via,
senza aspettare che ti dia ricchezze.

Itaca t'ha donato il bel viaggio.
Senza di lei non ti mettevi in via.
Nulla ha da darti pi¨.

E se la trovi povera, Itaca non t'ha illuso.
Reduce cosý saggio, cosý esperto,
avrai capito che vuol dire Itaca.


                                              Costantino Kavafis (1863 - 1933) __ scrittore greco
 




queste parole si commentano da sole:

Itaca come metafora di uno scopo da raggiungere nella vita, un sogno da perseguire. 

il viaggio come metafora della vita.     
               
Registrato
jack_sparrow


Gruppo: Moderatore Cinema
*

Posizione: Bivio Ferrarelle
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 1.381


« Risposta #138 inserita:: 02 Febbraio 2008, 00:34:41 »

Osvaldo caro non avevo mai letto questa poesia di De Simone.
In realtÓ leggo poco volentieri tutte le poesie  timido

Ma questa mi Ŕ piacuta davvero tanto!  Sicilia!
Registrato

Chi Ŕ Dio? - Hai presente quando desideri fortemente una cosa ed esprimi il
desiderio che si realizzi? - Si - Ecco, Dio Ŕ quello che lo ignora. (The Island)
osvaldo

Gruppo: Villarosano DOC
*

Posizione: Bivio Kamut
Stato: Scollegato Scollegato

Messaggi: 232


« Risposta #139 inserita:: 09 Febbraio 2008, 19:53:24 »

Segnalo la poesia U CHIAMU della nostra concittadina Rosa Bianca Cosentino. La poesia fu prima in classifica nel Concorso "Botteghelle" indetto dal Comune di Fiumefreddo di Sicilia e quarta al Premio "V. De Simone" indetto dal Comune di Villarosa

                                                                            U CHIAMU
U chiamu era un disperato quanto ingenuo appello a persona cara che da tempo non dava notizie e praticato fino a qualche tempo fa da madri o spose della nostra gente. Queste in luogo aprico e solitario di notte lanciavano un accorato richiamo il cui eco di ritorno veniva quasi sempre interpretato come fausto segno.  Non di rado per˛, un casuale passante, per pietÓ o per burla, completando l'eco, alimentava una disperata speranza.

L'aria sirena nun smovi ‘na foglia,
sintu cantari fistusi li griddi,
mentri d'atturnu ccu vuci suavi
parlano e jocanu li picciriddi.

Sugnu  ‘ncampagna, ‘n cuntrata Li Pira,
cca ma famÝglia sugnu assittatu,
omu anzianu, ma omu cuntentu
d'aviri tanti niputi a lu latu.

Tutt'a na vota, Pinuzzu, u  picciddu,
dici a GiuÓnni: - Gridamu, gridamu,
jucamu, a l’eccu ca duppu tanticchia
li nustri stessi paroli ascutÓmu.

Grida Pinuzzu, grida GiuÓnni
e l'eccu sempri fýdeli rispunni;
mentri ca j˛canu i cari ‘nnuccenti,
mi ‘nfoca u cori, mi curri la menti:

lu ma pinziri mi porta luntanu,
mi veni mmenti la ‘zzi Mariedda,
quannu, carusu pigliava a ma manu
e mi diciva: - Cci vini a Purtedda?

Facýmu u chiamu a ma figliu Pippinu,
ca nun mi scrivi e si trova a la guerra;
chidýmu a l'eccu e vidýmu s’un gnurnu
torna lu giuvini nni la so terra!

La vicchiaredda gridava e chianciva,
gridava forti: - Mi turni, Pippinu?
Mentri darrý la muntagna luntana
vuci piat¨sa accussý rispunniva:

-   Ritorna... torna... torna Pippinu,
timpu ‘a spittari iuncinnu li manu
e certu u’ gnurnu lu po' rincuntrari,
forsi ssu iurnu u gne tantu luntanu…

La vicchiaredda turnava cuntenti
e mi stringÝva cchi¨ forti la manu
e lu so passu nun gnera cchiu lentu,
iva dicinnu: - Mi torna Pippinu!

PassÓ lu timpu e Pippinu 'un turnÓ,
murý di lacrimi la vicchiaredda;
e sulu tannu nno munnu dei giusti,
ncuntrÓ lu figliu la zzi Mariedda.

Chianciu, a sugliuzzu ‘n cuntrata Li Pira
ccu l’ucchi chini di lacrimi amari,
guardu scantatu li ma niputÝddi,
sempri ‘ i vulissi ccu  l’eccu jucari...

Mai vulissi ca un rre Ciccupeppi
issi chiamannu li figli da genti
ppi la so gloria e ppi lu so putýrl
mentri a li matri 'un ci arristassi nenti!
         Rosa Bianca Cosentino




« Ultima modifica: 09 Febbraio 2008, 21:04:04 da osvaldo » Registrato

Il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me. Emanuele Kant
Palermo Calcio

Gruppo: Visitatore
8: Undefined index: post_group
File: /web/htdocs/www.villarosani.it/home/forum/Themes/villarosani_Com_smf/Display.template.php (eval?)
Riga: 307