Home arrow Informazioni
giovedý 13 dicembre 2018
Men¨ Avis
Chi siamo
Sostienici
Contattaci
Dicono di noi
Fotogallery Avis
Prossima donazione
La prossima donazione sarÓ giorno 4 luglio, non mancare!
Avis in Rilievo
Donazione Avis
Numero Verde Avis
800251580 - Numero Verde Avis

 

Informazioni PDF Stampa E-mail
- Che cos'è la Donazione?
- Per chi si dona?
- Chi è il Donatore di Sangue?
Come si dona?
- Dove si dona?
- I principali motivi di esclusione temporanea
  
Che cos’è la Donazione?
Il dono del sangue è un atto di libertà. Nessuno ti costringe a farlo. Sei tu che devi volerlo ed esserne convinto. Sei tu che decidi se e quando donare.
Il dono del sangue è gratuito. Non viene pagato perché nessuno può stimare il valore immenso che ha questo atto. La generosità non riceve neppure un pubblico grazie: è dentro di te che senti la soddisfazione.
Il dono del sangue è tutela della salute. Essere Donatori significa venire controllati regolarmente e quindi poter mantenersi in buona forma. Questo non è un vantaggio da sottovalutare perché la salute è il bene più prezioso che abbiamo.
Torna all'indice
 
Per chi si dona?
La donazione del sangue è anonima, per cui non si sa chi sarà la persona che riceverà la sacca di sangue che noi doniamo. L’importante, comunque, è sapere che si dona per salvare delle vite, per salvare delle persone che ne hanno bisogno per malattie particolarmente gravi (tumori, leucemie, ecc…) o per interventi chirurgici e di trapianto.
Torna all'indice
 
Chi è il Donatore di Sangue?
Il Donatore di sangue è una persona in buona salute che ha compiuto 18 anni e non ha superato i 65, con un peso non inferiore ai 50 chilogrammi.
Non possono donare coloro che hanno comportamenti a rischio, coloro che hanno contratto epatiti virali, coloro che soffrono di importanti patologie cardiovascolari.
Torna all'indice
 
Come si dona?
Il Donatore si presenta a digiuno (ma è possibile fare  una piccola colazione: brioche o cornetto vuoti, un po’ di succo di frutta o caffè; importante non bere latte!), si iscrive presso la segreteria e compila il questionario sulle proprie condizioni. Seguono una serie di controlli per verificare se vi sono le condizioni richieste per la donazione (valutazione dello stato psico-fisico, pressione, emoglobina, etc.). Il Donatore viene fatto accomodare su un lettino e preparato dal personale infermieristico a donare. Essere Donatori conviene perché si può avere un controllo costante della propria salute. Ad ogni donazione gli esami vengono ripetuti. Le tecniche di prelievo non comportano rischi e nell’arco di pochissimi giorni il sangue donato viene reintegrato dall’organismo. Chi si accinge a donare per la prima volta, il giorno della donazione effettuerà un normale prelievo per le analisi di controllo (c.d. predonazione) per poi decidere, liberamente, se donare la volta successiva. L’esito delle analisi verrà consegnato alla successiva donazione.
Torna all'indice
 
Dove si dona?
La donazione di sangue, plasma e di emocomponenti si effettua presso i centri trasfusionali e di raccolta che si trovano presso gli ospedali. A Villarosa si può donare sangue intero presso il nostro centro temporaneo nelle giornate stabilite. Contattaci per avere informazioni.
Torna all'indice
 
I principali motivi di esclusione temporanea
Per 48 ore
•    Vaccinazioni per colera, tetano, influenza, tifo/paratifo (tab), polio (iniezione), difterite, pertosse, epatite A ed epatite B
Per 72 ore
•    Cure odontoiatriche (es. otturazione, pulizia denti)
•    Interventi chirurgici ambulatoriali (es. cisti)
•    Terapia desensibilizzante (vaccini per allergie) dall’ultima iniezione
Per 7 giorni
•    Estrazioni dentarie
•    Assunzione antinfiammatori dal termine terapia

Per 15 giorni
•    Assunzione antibiotici dal termine terapia
•    Assunzione cortisonici dal termine terapia. Valutazione del medico trasfusionista
•    Infezioni respiratorie, addominali, urinarie dalla guarigione
•    Herpes dalla guarigione

Per 1 mese
•    Vaccinazioni per morbillo, rosolia, polio (orale), Tbc, febbre gialla
•    Soggiorno in zona con condizioni igieniche a rischio (es. Egitto, Marocco, Tunisia, Romania, ecc.)
•    Assunzione di Isotretinoina e Finesteride dal termine terapia

Per 3 mesi
•    Puntura di zecca senza malattia (non servono esami sierologici)
Per 6 mesi
•    Soggiorno in zona malarica o tropicale senza episodi febbrili al rientro
•    Mononucleosi dalla guarigione (certificata dal medico curante)
•    Epatite A dalla guarigione (certificata dal medico curante)
•    Malattia di Lyme dalla guarigione (certificata dal medico curante)

Per 1 anno
•    Tatuaggi, piercing, foratura dei lobi auricolari
•    Gravidanza o aborto
•    Indagini endoscopiche (gastroscopia, artroscopia, broncoscopia, rettoscopia, ecc.)
•    Interventi chirurgici
•    Cure dentarie maggiori (es. impiantologia)
•    Trasfusione di sangue e/o emocomponenti
•    Vaccinazione antirabbica in caso di morso
•    Rapporto sessuale a rischio/occasionale (la valutazione del rischio spetta al medico)

Per 2 anni
•    Tbc dalla guarigione (certificato dal dispensario o dallo specialista)
•    Toxoplasmosi dalla guarigione senza IgM
•    Ostiomielite
•    Reumatismo articolare acuto dalla guarigione, senza complicanze cardiache 

Per 3 anni
•    Malaria malattia conclamata o rientro da zona di endemia se è stata praticata profilassi: sospensione per sangue intero, è consentita la plasmaferesi. In ogni caso consultare preventivamente il medico trasfusionista

Torna all'indice
 
© 2018 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

I contenuti presenti in queste pagine sono rilasciati, tramite Villarosani.it, dall'AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) di Villarosa. Villarosani.it non Ŕ pertanto responsabile degli stessi.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.