Home
mercoledý 21 agosto 2019
Speciale Fiera PDF Stampa E-mail
Scritto da Staff   
mercoledý 08 agosto 2007

Immagini di una “Fera” del passato nell’attesa dei Tinturia. Alla vigilia della giornata che coinvolgerà il nostro paese nei festeggiamenti del Patrono San Giacomo Maggiore, Villarosani.it vi presenta alcune immagini scattate agli inizi degli anni sessanta del secolo scorso e recuperate per caso proprio qualche giorno fa.

La cantante ritratta nelle prime due foto è Gloria Christian, in auge durante gli anni '50 e '60 e interprete tra l’altro di brani quali Casetta in Canadà. Nella terza immagine un momento de "L’albero della cuccagna”, il famoso gioco molto in voga nelle feste paesane. Nella quarta immagine è mostrata l’attesa dei villarosani per l'esibizione dell'artista e nella quinta, infine, il passeggio e le classiche luminarie della Fiera.

Foto 1 Foto 2

Foto 3 Foto 4 Foto 5

Commenti...

 
<< Precedente   Successiva >>
 
Alcune semplici regole da seguire per entrare a far parte di Villarosani.it
Le origini e la storia di Villarosani.it
Hai bisogno di assistenza? Vuoi darci un consiglio? Scrivici!
Rassegna stampa degli articoli riguardanti Villarosani.it
La storia, la geografia ed altre informazioni utili per conoscere il piccolo centro nel cuore della Sicilia.
 
© 2019 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.