Home
luned́ 03 agosto 2020
PDF Stampa E-mail
Sporting Catenanuova-Real Morello
07.11.2009 ore 14.30 - 1^ giornata
 
Sporting Catenanuova

Real Morello

  2

 2

25' - Di Bari
84' - Lombardo
13' - Montes
76' - Montes
   
 

 

Formazione Sporting Catenanuova

La Russa, Lipari, Giglio, Privitera A., Nicolosi, Scaffioli, Girasole, Plumari, Lo Presti, Di Bari.
A disposizione: Muni, Gemma, Lombardo, Castiglione, Zammataro, Venia, Di Fini.
Allenatore: Rapisarda.

 

Formazione Real Morello

Mangiavillano, Bosco, Rizzo, Profeta, Falzone, Scelfo, Caramanna, Rivituso S., Rivituso D., Mendola, Montes.
A disposizione: Saporito, Giarratano, Ippolito, Laquatra, Tornammè.
Allenatore: Falzone.
 
 

Pagelle

Mangiavillano 6
oltre alle due conclusioni vincenti dei catenanuovesi, rimane pressoché inoperoso durante la partita, ma è sempre attento quando viene chiamato in causa, incolpevole nei due gol. Sicuro. 

Bosco 6
chiamato a fare il terzino, fornisce una buona copertura nel reparto arretrato e una discreta spinta sulla fascia destra. Ottimo nelle chiusure sulle folate di Di Bari. Sentinella. 

Rizzo 7
Ancora una volta una prova maiuscola da parte sua, chiude tutti gli spazi e ripiega anche sulle fasce quando necessario. Che mondo sarebbe senza Rizzo... 

Profeta 6
Abile nell'immobilizzare le punte catenanuovesi per buona parte del match, certezza sugli interventi aerei. Sfiora un gol carambolesco con un pallone a campanile che centra la traversa. Pilastro.

Falzone 5,5
Non spinge come Bosco sulla destra e si limita ad un lavoro di copertura. Tenta più volte lanci prevedibili a tagliare il campo, talvolta non riuscendoci. Prognosi riservata. 

Caramanna 6,5
Buona partita del centrocampista nisseno: gioca di prima, fa girare il pallone, aiuta i compagni ed è sempre presente. Garanzia.
 

D. Rivituso 6,5
Nonostante un dito rotto è protagonista di una splendida performance, i suoi errori nell'arco di un'intera partita si contano sulle dita di mezza mano. Lì, sempre lì, lì nel mezzo, finchè ce n'hai stai lì... 72' Ippolito 5,5 non ha acquisito ancora la giusta forma per dimostrare il suo immenso potenziale. Eclissato.

S. Rivituso 5,5
Poteva fare sicuramente meglio, ne ha le capacità, ma è reduce da un infortunio alla caviglia patito nell'amichevole contro l'Eureka Pietrina che pregiudica la sua prestazione. Generoso.

Scelfo 5
Gioca sull'out di destra, non è il suo ruolo e si vede: non azzecca un cross, non salta l'uomo e non ci mette la grinta che l'ha sempre contraddistinto. Cchiù scuru di menzannotti un pò fari. 61' Giarratano 6 subentra dalla panchina per dare vivacità alla fascia sinistra e ci riesce, meno convinto su una conclusione che poteva ristabilire il vantaggio dopo il 2-2. Spericolato.

Mendola 5,5
E' una punta ma gioca prima ad ala sinistra, poi ad ala destra. Mezzo voto più di Scelfo per l'assist fornito nel primo gol di Montes. Ardito. 80' Laquatra sv.

Montes 7,5
Due tiri, due gol. Uno di testa, uno con un meraviglioso tocco sotto a saltare il portiere. Spesso risulta isolato in avanti, ma riesce a far reparto da solo. Matador. 78' Tornammè sv.


 
<< Precedente   Successiva >>
 
Alcune semplici regole da seguire per entrare a far parte di Villarosani.it
Le origini e la storia di Villarosani.it
Hai bisogno di assistenza? Vuoi darci un consiglio? Scrivici!
Rassegna stampa degli articoli riguardanti Villarosani.it
La storia, la geografia ed altre informazioni utili per conoscere il piccolo centro nel cuore della Sicilia.
 
© 2020 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.