Home arrow Dicono di noi arrow La Sicilia 03-06-2008
domenica 12 luglio 2020
Menů Avis
Chi siamo
Sostienici
Contattaci
Dicono di noi
Fotogallery Avis
Avis in Rilievo
Donazione Avis
Numero Verde Avis
800251580 - Numero Verde Avis

 

La Sicilia 03-06-2008 Stampa E-mail
martedě 03 giugno 2008
Avis Villarosa: dai donatori ancora 26 sacche di sangue
VILLAROSA. La terza raccolta di sangue dall’inizio dell’anno per l’Avis Villarosa ha fruttato 26 sacche (per un totale di 79 nel 2008). I progressi fatti in un anno e mezzo sono evidenti e la sezione può adesso contare su un gruppo di donatori abituali che cresce sempre più grazie alla sensibilizzazione fatta dai volontari. Il personale Avis si arricchisce ad ogni donazione di nuovi elementi e vanta la presenza di almeno dieci volontari tra gli organizzatori di ogni raccolta. Gli infermieri Tonino Ferraro e Monica Thorweie hanno effettuato il prelievo ai 26 donatori ed ai 14 predonatori, dalle 8.30 alle 12.30 della scorsa domenica, e attendono numerosi i villarosani alla prossima donazione del 20 luglio.

 

Fonte: La Sicilia del 03/06/2008 pag. 28

download_pdfScarica l'articolo originale in formato PDF

 
<< Precedente   Successiva >>
© 2020 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

I contenuti presenti in queste pagine sono rilasciati, tramite Villarosani.it, dall'AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) di Villarosa. Villarosani.it non č pertanto responsabile degli stessi.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.