Home arrow Il Muro
giovedì 22 agosto 2019
Benvenuto Visitatore.






Password dimenticata?
Non hai ancora un account? Registrati
Chi è online

Statistiche
Visite oggi: 2
Visite totali: 666956
Feed RSS di Villarosani.it
Social Bookmark
Aggiungi Villarosani.it a: Digg Aggiungi Villarosani.it a: Del.icoi.us Aggiungi Villarosani.it a: Yahoo Aggiungi Villarosani.it a: Blogmarks Aggiungi Villarosani.it a: Technorati Aggiungi Villarosani.it a: Smarking Aggiungi Villarosani.it a: Google Cos'è il Social Bookmark?
Annunci Google

Il Muro

   Clicca qui per scrivere un messaggio sul Muro


pallino pinco    24 ottobre 2007 17:55 | villarosa
VotoVotoVotoVotoVoto
MOMO’
Momò!
Ricordo qualcosa, anche se vagamente, di questo personaggio.
Ancora oggi, a tavola, qualche volta se ne parla quando si rimpiangono i bei tempi passati, e non se ne parla come dello scemo del villaggio ma come di chi, con la sua allegria e imprevedibilità sapeva animare le giornate rendendole festose ai più giovani che incuriositi a lui si avvicinavano.
Non so se è un mio ricordo o tale è diventato con l’avermelo raccontato quando ero piccolo.
Mi ricordo di Momò quando girava il paese con il suo mulo per vendere i prodotti della sua campagna e lo vestiva di calze e pannolone.
O quando, mi racconta mio padre, quella volta che un suo maiale scappato in piazza mentre ne era fatto divieto, fu inseguito dai vigili fino a casa sua. La passeggiata del maiale gli costò un verbale, ma lui non se la prese, andò al comune e chiese candidamente dov’era l’ufficio dei “porci” perché doveva saldare il suo debito.
Con rimpianto si dice che 40/50 anni fa le feste erano un’altra cosa; ogni occasione era buona per festeggiare e ballare.
Sono sicuro che Momò, qualche festa, ha contribuito a renderla più allegra.
Nella memoria degli anziani ce ne traccia.
I miei saluti ai vecchi e ai nuovi frequentatori del muro

eolo    23 ottobre 2007 21:25 | villarosa
VotoVotoVotoVotoVoto
Messaggio per Osvaldo , io l'ho conosciuto " u Zi MOMO " abitava vicino mio nonno. Quante ne potrei raccontare delle sue avventure. Anche se non aveva cultura era un uomo che ha lasciato il segno. ;)

mimmo    23 ottobre 2007 09:52 | milano
VotoVotoVotoVotoVoto
forza villarosa paese museooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

osvaldo    19 ottobre 2007 21:42 |
Vorrei invitare i "villarosani" a dare più spazio alla cultura locale. Non intendo parlare della storia di Villarosa, che è scritta in documenti in gran parte contenuti nell'archivio Notarbartolo. Intendo porre l'attenzione sui villarosani che hanno fatto la "storia" del loro paese in casa e fuori, lasciando una traccia, purtroppo evanescente, nella memoria collettiva più che sulla carta stampata.
Circa un mese fa ho inviato a questo nostro sito una storia "sciocca" di tale Momò che ancora oggi i più anziani ricordano. Non era un uomo di cultura, forse addirittura analfabeta, ma con le sue "bizzarrie", o meglio "sparate", mostrava un'intelligenza grezza ma abbastanza vivace che stimolò non poco la sonnolente vita di un borgo di provincia, dando una sferzata a menti fiacche adagiate su schemi retrivi.
Di questo personaggio tratteggiato da me in uno scritto leggero, che spero anche vivace, non ho visto traccia in queste ultime settimane. Ho lanciato brevi flash chiedendo di Momò, qualcuno si è chiesto soltanto chi è Osvaldo, ma i redattori del sito tacciono e si tengono il pur modesto scritto in qualche cassetto...
Non mi si venga a dire che in tal modo si evita di avere rogne con la giustizia nel caso di denuncia. La cosa è improbabile per diversi motivi: primo la figura di Momò si erge al di sopra di tanti suoi contemporanei che se ne sono andati lasciando l'impronta del loro sedere sulla sedia d'un circolo o bar; secondo, gli eventuali eredi di Momò per contro dovrebbero essere fieri d'un loro parente vivo che visse fuori del "gregge"; infine, non viene citato il cognome, che io stesso non conosco, e nessuno quindi potrebbe accampare diritto alcuno...
Vedremo sul sito questa simpatica figura o dovrò prendere atto del fallimento d'un'iniziativa che parli dei veri villarosani, vivi ed arguti.

Zio d'America    19 ottobre 2007 01:57 | Villarosa City
VotoVotoVotoVotoVoto
E menomale che Striscia la Notizia ha fatto uscir fuori lo scoop dei possibili voti "doppioni"...null


436
messaggi

EasyBook


UrloBox
Ultimi Messaggi: 10 ore, 43 minuti fa
  • VELLARUSANO : FREQUENTATELA PIU' SPESSO, ALLORA
  • notastonata : Piacevole sorpresa riaprire questa pagina
  • notastonata : Piacevole siroresa rikeggere e hisitare questa pagina
  • VELLARUSANO : E bravo Peppe, sei dventato un artista.
  • PEPPE : CALASCIBETTA Video Innuso, Archeotrekking Day Necropoli di Realmese e Villaggio bizantino www.youtube.com/watch?v=N8LQjGtAry8
  • PEPPE : cercate Villarosapuntocom
  • PEPPE : guardate i miei video sulla Sicilia su  YOUTUBE  Video Innuso
  • pierdeo : novembre 2018
  • VELLARUSANO : fa piacere che ogni tanto qualcuno si favivo
  • VELLARUSANO : anche se in ritardo ricambio
Effettua il login per urlare..
 
Alcune semplici regole da seguire per entrare a far parte di Villarosani.it
Le origini e la storia di Villarosani.it
Hai bisogno di assistenza? Vuoi darci un consiglio? Scrivici!
Rassegna stampa degli articoli riguardanti Villarosani.it
La storia, la geografia ed altre informazioni utili per conoscere il piccolo centro nel cuore della Sicilia.
 
© 2019 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.