Home arrow Il Muro
domenica 16 dicembre 2018
Benvenuto Visitatore.






Password dimenticata?
Non hai ancora un account? Registrati
Chi è online

Statistiche
Visite oggi: 17
Visite totali: 651063
Feed RSS di Villarosani.it
Social Bookmark
Aggiungi Villarosani.it a: Digg Aggiungi Villarosani.it a: Del.icoi.us Aggiungi Villarosani.it a: Yahoo Aggiungi Villarosani.it a: Blogmarks Aggiungi Villarosani.it a: Technorati Aggiungi Villarosani.it a: Smarking Aggiungi Villarosani.it a: Google Cos'è il Social Bookmark?
Annunci Google

Il Muro

   Clicca qui per scrivere un messaggio sul Muro


Zio d'America    10 settembre 2007 11:34 | Villarosa
VotoVotoVotoVotoVoto
Sono parzialmente concorde sia con michele71 che con Pallino Pinco. Infatti, come detto dal primo, essere figlio, fratello o sorella di una vittima della mafia non è un requisito per fare buona politica. Al tempo stesso però non reputo da "comunista" la lettera aperta di Pallino Pinco, in cui riscontro seri, veritieri ed importanti contenuti.

michele71    30 agosto 2007 11:28 |
per rispondare all'amico Pallino Pinco.
Guarda che in politica non puoi assolutamente guardare la "dinastia" personale.A prescindere che essi siano delle brave persone o no, loro, devono per forza attenersi al loro programma. Per cui non vale niente che "il tipo" sia figlio di.... o sorella di... Devono tutti seguire la stessa linea. Vuoi fare politica? Bene! devi sottostare alle regole. E' questo il giochino.
Senza Rancore
Un salutone a tutti i villarosani

GIUSEPPE VIGLIO    28 agosto 2007 04:05 | RIO DE JANEIRO - BRASILE
VotoVotoVotoVotoVoto
Perché sono pochi quelli che mettono il proprio nome ?
Sono fuori da Villarosa dal 1950. Sono pochi i cognomi di quelli che scrivono che mi fanno ricordare compagni di scuola, tempi di scuola, ginnasio a Villarosa e Liceo Classico ad Enna.

Pallino Pinco    26 agosto 2007 16:38 | villarosa
VotoVotoVotoVotoVoto
NON CAPIAMO LA POLITICA O LA POLITICA NON CAPISCE NOI?
Saluti a tutti, i villarosani in Italia e nel mondo.
Più volte ho tentato di sfruttare meglio le opportunità che “Villarosani.it” può dare, ma la mia poca dimestichezza con il pc me lo continua a impedire. Tra le poche cose che ho potuto osservare e leggere sul vostro sito c’è quello che nel “Il muro” viene affisso di tanto in tanto. Mi accorgo così, dispiaciuto, che quello che scriverò di seguito avrei potuto scriverlo un bel po’ di tempo fa, a partire dal 23 giugno, diciamo prima ancora che gli argomenti si raffreddassero. Collego quanto dirò, a ciò che affermava “Caterina” in riposta a “Regina” riguardo la politica, e più precisamente ai giudizi prematuri espressi nei confronti dell’amministrazione comunale cui faceva riferimento “Regina”, e alla constatazione fatta dalla stessa “Caterina” che i villarosani vorrebbero parlare di politica ma che: per pigrizia, per paura di prendere decisioni, per paura di confrontarsi si lasciano andare a facili conclusioni quali “la politica fa schifo e i politicanti pure” e che, a dispetto di quanto ci si interroghi e si scriva sul vs. sito riguardo politica e società, i giovani villarosani restano dei “Peter Pan bravi ad additare le responsabilità altrui incapaci di assumerne di proprie”.
In parte, devo dare ragione a Caterina, è sicuramente vero che i giovani e i meno giovani non si occupano seriamente e responsabilmente della politica, ma è anche vero che chi di politica si occupa ci mette tutto l’impegno possibile per far si che le cose non cambino, o addirittura peggiorino aggiungendo a quando già c’è di criticabile nella politica, mancanza di coerenza, cambi di direzioni improvvise e non segnalate anticipatamente, etc. . con il risultato finale di confondere e di scoraggiare, non solo chi parla di politica ma anche chi la pratica d’abitudine e chi invece con la sola croce nella scheda elettorale.
A proposito di quanto su detto, mi sento di fare anch’io qualche constatazione, lo stretto necessario per farvi fare un cenno di assenso con il capo e proseguire velocemente al succo del mio breve racconto.
Per me, La politica parlata e non praticata non fa schifo e neppure chi se ne occupa (la mancanza della gestione della cosa pubblica fa si che si rimanga candidi e puliti. Non praticandola, non si rende necessario cercare, e raggiungere senza tante difficoltà, con la conseguenza quindi di ungersi almeno un po’, accordi, compromessi, spartizioni in barba ai cittadini) .
Per diluire un po’ le mie certezze e rendervele meno indigeste, permettendovi così di arrivare più agevolmente al “succo del racconto” mi convinco che “Non ci sono, di regola, politici onesti e politici disonesti”così come non ci sono “schieramenti puliti e schieramenti sporchi”, ci sono invece “politici disonesti e meno disonesti”, “male maggiore e male minore” (fatta questa distinzione che, preciso, si riferisce solo alla politica nazionale e non cittadina, è giusto e logico poi che ognuno si assuma le proprie responsabilità e che in occasione delle elezioni vada comunque a fare il proprio dovere esprimendo un voto, perché qualcuno dovrà pur governare. Ritengo, comunque, che riuscire a raggiungere la consapevolezza che questi “2 esemplari di politici/schieramenti” esistono, è sono in contrapposizione è già qualcosa).
Per meglio accettare, anche se a malincuore, di mettere in discussione i propri ideali politici, i propri interessi, le proprie convinzioni magari lunghe di decenni, ci si dovrebbe sforzare un po’ di più nel perché e nelle motivazioni sincere che dovrebbero spingerci nelle scelte politiche (il rispetto per l’etica, la morale, la giustizia non dovrebbero mai mancare) . In queste scelte, ci potrebbero aiutare la conoscenza di alcuni fattori che dovrebbero essere incontrovertibili per tutti, quali: la vita politica del candidato/schieramento; la storia familiare del candidato; la storia penale dei candidati (avvisi di garanzia, rinvii a giudizio o condanne di qualsiasi schieramento si parli).
Sulla base di quanto sopra, la mia scelta è fatta, ho scelto il “male minore”, come tutti voi! Semplice no?
Ci apprestavamo alle elezioni regionali, la mia ragazza mi fa sapere che da quanto gli è stato detto da un esponente politico cittadino, ad Enna Bassa presso l’università, ci sarebbe stato un incontro tra simpatizzanti del centro sinistra ed esponenti politici regionali di spessore. Ci saranno Claudio Fava, il sindaco Crocetta di Gela, Rita Borsellino e altri ancora (per chi non conoscesse le persone che ho nominato, per non correre il rischio di ridimensionarne il valore, vi dico le poche cose che ricordo di loro; che il padre di Fava è stato vittima della mafia e che lui questo male ha sempre combattuto; che il sindaco Crocetta, tra i pochi sindaci omosessuali dichiarati in una terra tra le più omofobe d’Italia, a dispetto della scelta di vita fatta é costretto continuamente a mostrare gli attributi per rispondere, coraggiosamente, alle minacce quotidiane della mafia; che Rita Borsellino è la sorella del giudice… .
Siccome a me, la vita politica, la storia familiare e l’integrità morale di chi dovrebbe governarci interessano più dell’emulazione, del tifo calcistico, del successo personale. Vista anche la battaglia politica imminente in cui “forse” le “sfumature” che separavano i due schieramenti erano più “accentuate”, ho voluto andare all’incontro.
L’eurodeputato Fava non è potuto venire, i presenti, compreso il nostro esponente politico, hanno comunque espresso benissimo la loro passione e le ragioni politiche che li hanno spinti a intraprendere questa campagna.
A incontro finito mi sono convinto che per cambiare le cose ci vogliono la passione, la costanza, la tenacia, il coraggio, la sete di giustizia espressi in quella serata. Da allora rimango ancora convinto di questo, diversamente dal nostro concittadino che con tanta, da me apprezzata, passione si espresse in quella sede.
Non so se ancora troverò modo di interessarmi a qualcosa e di conseguenza scriverne sul vostro sito. Ho voluto, come auspicava “Caterina”, partecipare al dialogo.
Detto questo, so di essermi alienato qualche potenziale simpatia (sicuramente quella di “Michele 71”), sono sicuro però, che tutti quelli che non avranno trovato il mio discorso quello di uno sporco comunista (e non lo è), sulla politica non dovrebbero riservarmi grosse sorprese.
Saluto gli amici, comunque la pensino, Bijoux, Sauron, Niki.
Ciao.

pevensie    23 agosto 2007 23:27 |
ciao villarosani!!
per caso ho trovato questo sito e guardando le foto ho rivisto tutti i miei compagni di classe,i miei amici degli scouts...e bhè, quasi quasi mi spuntava la lacrimuccia!
ma quanto siete cambiati, ho fatto fatica a riconoscervi tutti! anzi qualcuno non l'ho ancora identificato!
avevo una grande voglia di salutarvi!
un bacio grande!
pevensie

( Luana D.G. )


436
messaggi

EasyBook


UrloBox
Ultimi Messaggi: 1 mese fa
  • pierdeo : novembre 2018
  • VELLARUSANO : fa piacere che ogni tanto qualcuno si favivo
  • VELLARUSANO : anche se in ritardo ricambio
  • toliveri : buonanno a tutti
  • PEPPE : Ho inserito alcuni link della nostra bella terra di Sicilia dove poter vedere alcune bellezze del Nostro territorio
  • PEPPE : «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link» «link»
  • PEPPE : Oggi 06 gennaio 2017 Epifania , eccezzionale nevicata a Villarosa guardate le mie foto davanti casa
  • PEPPE : Ho inserito alcune foto della manifestazione in memoria del nostro poeta Vincenzo De Simone Giuseppe innuso
  • PEPPE : la mostra si chiudera il 12 aprile 2016
  • PEPPE : Da oggi presso la bibblioteca comunale e aperta la mostra fotografica su ?Chistu è lu me paisi? dedicata a V. De Simone
Effettua il login per urlare..
 
Alcune semplici regole da seguire per entrare a far parte di Villarosani.it
Le origini e la storia di Villarosani.it
Hai bisogno di assistenza? Vuoi darci un consiglio? Scrivici!
Rassegna stampa degli articoli riguardanti Villarosani.it
La storia, la geografia ed altre informazioni utili per conoscere il piccolo centro nel cuore della Sicilia.
 
© 2018 - Villarosani.it - Tutti i diritti riservati.

Benvenuto in Villarosani.it, il primo portale per i villarosani. Se non sei villarosano sei comunque il benvenuto!
Comune di Villarosa (Provincia di Enna - EN) -C.A.P. 94010- dista 101 Km. da Agrigento, 29 Km. da Caltanissetta, 117 Km. da Catania, 20 Km. da Enna, alla cui provincia appartiene, 213 Km. da Messina, 141 Km. da Palermo, 165 Km. da Ragusa, 192 Km. da Siracusa, 240 Km. da Trapani. Il comune conta 6.162 abitanti e ha una superficie di 5.501 ettari. Sorge in una zona collinare, posta a 523 metri sopra il livello del mare. L 'attuale borgo nacque nel 1762 ad opera del nobile Placido Notarbartolo. Fu sempre centro economico molto attivo, in particolare nel XIX secolo quando vennero rese funzionanti numerose miniere zolfifere presenti su tutto il territorio. Nel settore dei monumenti è importante ricordare la Chiesa Madre del 1763 dedicata a S. Giacomo Maggiore. Rilevanti sono pure Il Palazzo S. Anna, il Palazzo Ducale e l'ex Convento dei Cappuccini entrambi del XVIII secolo.